Home Sport Napoli, tegola Insigne: stagione finita per l’attaccante

Napoli, tegola Insigne: stagione finita per l’attaccante

126
0

Lorenzo-InsigneÈ un Napoli corsaro quello che ha espugnato l’Artemio Franchi di Firenze nella gara valida per l’11° giornata di Serie A 2014/2015. La rete del ‘Pipita’ Higuain – sesto centro in campionato – permette agli uomini di Benitez di superare i padroni di casa della Fiorentina ed agganciare il terzo posto in classifica, portandosi a -4 dalla Roma e -7 dalla Juventus.

Nonostante la gioia per il risultato, la festa per i partenopei viene guastata dal grave infortunio accorso a Lorenzo Insigne al 21’ del primo tempo. Gli esami clinici, sostenuti a Villa Stuart dal professor Mariani, hanno confermato il peggio: rottura del legamento crociato anteriore e stagione probabilmente finita per lo scugnizzo napoletano. Subito grande solidarietà sul web nei confronti dell’attaccante azzurro da parte di tifosi, compagni si squadra e colleghi, con l’hashtag #ForzaLorenzo che in poco tempo è diventato virale su twitter.

Dopo la pausa per le Nazionali, Benitez dovrà quindi affidarsi a Mertens per sostituire Lorenzo. Tuttavia, considerando l’inadeguatezza palesata da Michu ed il lungodegente Zuniga (per il quale il club sta valutando un possibile trattamento con cellule staminali per i problemi al ginocchio), non è da escludere un intervento sul mercato da parte di De Laurentiis nella prossima finestra invernale.

Articolo precedenteAl via a Caserta il seminario “Il Codice dei Beni Culturali e il Progetto di Restauro architettonico”
Articolo successivoIl “Movimento docenti precari III fascia” dice NO alla cancellazione
Classe 91. Giornalista pubblicista e studente di Lettere moderne presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Vicedirettore presso Il Giornale di Casoria (con cui collabora dal 2012), giornalista e social media manager Fantagazzetta. L'energia, l'impegno, la responsabilità e l'ottimismo sono e sempre saranno il mantra della mia attività di giornalista, considerando i traguardi non come punti di arrivo, ma come stimoli che inducano a dare sempre il massimo.