Home Cronaca & Attualità Napoli, muore nel tentativo di sventare una rapina.

Napoli, muore nel tentativo di sventare una rapina.

164
0

morto_ucraino-1441Tragedia nel napoletano. Un ucraino di 38 anni, Anatolij Korov, è stato ucciso durante una rapina in un supermercato di Castello di Cisterna, in provincia di Napoli. L’immigrato, era appena uscito dal market e aveva in braccio la figlioletta di un anno e mezzo. Accortosi della rapina è però tornato indietro e ha provato a fermare i malviventi bloccandone uno. Durante la collutazione il 38enne è morto davanti agli occhi della figlia. I due rapinatori sono scappati a bordo di una moto. Inutili i tentativi di aiutare l’uomo da parte del personale e di alcuni clienti del supermercato, i quali si sono resi quasi subito conto che per il 38enne non c’era più nulla da fare. Sul posto sono accorsi i carabinieri che stanno indagando per risalire all’identità dei criminali. La vittima, residente a Castello di Cisterna da diversi anni, e con regolare permesso di soggiorno, era molto conosciuta in paese così come tra i clienti del supermercato, che ricordano il 38enne come “un gran lavoratore”. Intanto, il sindaco del paese ha proclamato il lutto cittadino in occasione dei funerali della vittima. Lo stesso primo cittadino ha annunciato che si tratta di “un atto doveroso verso una persona che ha compiuto un gesto coraggioso quanto eroico”. Il sindaco, inoltre, ha voluto incontrare la moglie e le due figlie dell’uomo, e si è offerto di accompagnarle in obitorio. “La moglie – spiega il sindaco – ha espresso la volontà di portare il corpo del marito in Ucraina, ma io spero che cambi idea, perché vorremmo che questo uomo coraggioso rimanesse qui, dove ha compiuto il suo ultimo gesto eroico”. Il governatore De Luca: “E’ stato un eroe civile” .
In tutta la zona è scattata la caccia all’uomo per individuare gli assassini. Le riprese effettuate dalle telecamere di videosorveglianza sono ancora al vaglio dei militari. I due malviventi sarebbero giunti al supermercato con in testa un casco semintegrale, ed il volto completamente coperto da maschere. I due erano armati di una sola pistola, usata da uno dei rapinatori per uccidere Korol.