Home Sport NAPOLI – MILAN, TORNA BIG MATCH

NAPOLI – MILAN, TORNA BIG MATCH

Napoli-Milan. Il 'Maradona' è pronto ad alzare il sipario per una sfida che si preannuncia palpitante. Uno scontro tra due delle tre pretendenti alla corsa scudetto.

194
0

Il posticipo della ventottesima giornata di serie A ci regala Napoli-Milan. Il ‘Maradona’ è pronto ad alzare il sipario per una sfida che si preannuncia palpitante. Uno scontro tra due delle tre pretendenti alla corsa scudetto che più corsa sembra essere diventata una camminata quantomeno claudicante. E se negli anni ’80 questo match vedeva coinvolte due delle squadre più forti d’Europa il cui sogno scudetto veniva rincorso a spron battuto, oggi i livelli sensibilmente abbassatisi rendono certamente Napoli-Milan meno avvenente agli occhi del mondo seppur sempre fascinosa perché forte del suo passato memorabile. La posta in palio è altissima, chi vince ha l’onore di diventare capolista solitaria, nonostante l’altalenanza di risultati viziata dal tour de force che ha caratterizzato il mese appena passato. Media punti in picchiata per il Diavolo stanco. Diciotto, invece, nonostante qualche stop, i punti conquistati finora nel girone di ritorno dal Napoli di Spalletti; miglior rendimento tra tutte. 
Osserviamo al dettaglio, tra numeri, statistiche, e curiosità questo big match.
PRECEDENTI – tra Napoli e Milan, in serie A, è la sfida numero 152.
46 VITTORIE NAPOLI; 48 PAREGGI; 57 VITTORIE MILAN. (174 GOL FATTI NAPOLI-214 GOL MILAN)
Gli azzurri non vincono in casa contro i rossoneri dal 25 agosto 2018; un pirotecnico 3-2 che segna il debutto all’allora ‘San Paolo’ di Carletto Ancelotti. Gli ultimi due incontri, entrambi al ‘San Siro’ di Milano, hanno visto il Napoli uscirne vincitore per 0-1. Il Milan ha vinto l’ultima volta al ‘Maradona’, una stagione fa, per 1-3; unica vittoria rossonera negli ultimi 14 confronti in terra partenopea. L’ultimo pareggio risale al 12 luglio 2020, sempre al ‘Maradona’, 2-2 il risultato finale.  
L’ANDATA – 19 dicembre 2021, Milan-Napoli 0-1 (5′ Elmas). Gli azzurri passano a ‘San Siro’ e agganciano proprio i rossoneri a quota 39 punti in classifica, a meno quattro dall’Inter capolista. Partita dura, condizionata dalle tante decimazioni partenopee causa Covid-19, con poche occasioni, decisa dal colpo di testa di Elmas, intorno al quinto minuto di gioco, sugli effetti di un calcio d’angolo. Milan che cerca il pareggio lungo tutto il corso del match, tant’è che Kessie sigla la rete dell’ 1-1 al novantesimo, ma l’arbitro Massa decide di annullare il gol dell’ivoriano per fuorigioco di Giroud tra le proteste veementi dei padroni di casa.
STATO DI FORMA –
Il Napoli ha rialzato la china nell’ultima giornata disputata. Il gol vittoria di Fabiàn, in zona Cesarini contro la Lazio, ha portato il Napoli nuovamente alla vittoria dopo averne pareggiate ben due consecutive (contro Inter e Cagliari) e, soprattutto, dopo la scoppola patita contro il Barça in Europa League. Il Milan sta soffrendo di pareggite. Reduce da tre pareggi consecutivi, Coppa Italia compresa. Trattasi di ben 4 punti strappati al cammino rossonero da due compagini di bassa classifica (Salernitana e Udinese). La vittoria manca da quasi un mese, un 1-0 risicato contro la Samp di Giampaolo. 
PROBABILI FORMAZIONI –
NAPOLI: squadra quasi al completo con Anguissa e Lozano che, dopo essersi allenati in gruppo, vanno a sedersi in panchina. Rispetto agli undici titolari contro la Lazio, questa volta dovrebbe vedersi in campo dal primo minuto Lobotka e non Demme.
(4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui; Lobotka, Fabiàn; Politano, Zielinski, Insigne; Osimhen; allenatore Spalletti.
Ballottaggio: Lobotka-Demme 60%-40%; Politano-Elmas 55%-45%.
Indisponibili: Malcuit, Tuanzebe.
Diffidati: Demme, Anguissa.
Squalificati: nessuno.
MILAN: Romagnoli, dopo il k.o. in Coppa Italia, non riesce a recuperare e non farà parte della partita. Bennacer ritorna tra gli undici titolari dopo la squalifica scontata nella passata giornata. Ibrahimovic scalda i motori, parte però dalla panchina.
(4-2-3-1): Maignan; Calabria, Tomori, Kalulu, Hernandez; Bennacer, Tonali; Messias, Kessie, Leao; Giroud; allenatore Pioli.
Ballottaggio: Kessie-Diaz 60%-40%; Messias-Saelemaekers 55%-45%
Indisponibili: Kjaer, Romagnoli, Castillejo, Lazetic.
Diffidati: Romagnoli, Hernandez, Diaz.
Squalificati: nessuno
L’arbitro designato è il signor Daniele Orsato, classe 1975, della sezione di Schio (Vi). Assistenti: Preti-Giallatini; IV Uomo: Camplone; VAR: Valeri-Vivenzi.

Articolo precedenteUcraina, le iniziative dell’Amministrazione
Articolo successivoMacth scudetto al Milan, il Napoli si arrende sul più bello