Home Sport Il Napoli da harakiri col Besiktas, fa la partita ma perde 2-3....

Il Napoli da harakiri col Besiktas, fa la partita ma perde 2-3. E’ crisi azzurra?

82
0

napoliChi si aspettava una vittoria del Napoli dopo il brutto k.o. con la Roma, è rimasto deluso, perché il Napoli cade ancora perdendo in casa col Besiktas. Un risultato piuttosto bugiardo alla luce di quando si è visto in campo, in cui il Napoli dall’inizio alla fine ha fatto la partita. Non è bastato purtroppo a causa di errori individuali, i quali si ripresentano ancora e continuano a rivelarsi fatali per gli azzurri. Dopo un’occasione divorata da Mertens (un rigore in movimento in pratica) a inizio gara, sugli sviluppi di uno schema perfettamente riuscito su calcio d’angolo, alla prima occasione turca il Napoli è andato sotto. Una difesa apparsa non impeccabile nella circostanza. Ciononostante la squadra non si è demoralizzata, ha continuato a condurre la gara creando occasioni da reti. Il forcing azzurro è premiato al 30’, quando Hamsik lancia Callejon che dopo essersi aggiustato la palla, serve in area Mertens mettendola dentro per il meritato 1-1. Un pareggio che dura poco però, visto che uno sciagurato retropassaggio di Jorginho, si rivela un assist per Aboubakar che s’invola e batte Reina per l’1-2. Incredibile ma vero a Fuorigrotta! La ripresa si poteva subito mettere sui binari giusti, grazie al rigore procuratosi da Mertens, ma sul dischetto Insigne sbaglia. Un Napoli che non si scoraggia e cerca di riequilibrare la gara con tutto il suo potenziale offensivo, entrando anche Gabbiadini per uno spento Insigne. La svolta arriva al 69’ quando Mertens si procura un altro rigore, dal dischetto stavolta ci va Gabbiadini che non fallisce, segnando il 2-2. Debutto stagionale per Diawara che entra al posto di un disastroso Jorginho. Il Napoli trova anche il 3-2 ancora con Gabbiadini, ma il goal è annullato per fuorigioco. Finale rocambolesco e fatale per gli azzurri, che subiscono il definitivo 2-3 (in fuorigioco) ancora con Aboubakar. In sintesi il Napoli conferma il suo periodo negativo, poca brillantezza e troppi errori, rivelatisi ancora una volta decisivi. Se gente come Koulibaly e Jorginho sono sottotono perché insistere? Perché non gettare dalla mischia da subito Diawara, facendo riposare un inguardabile Jorginho? L’italo-brasiliano commise lo stesso errore anche col Benfica, un retropassaggio assurdo e goal portoghese. Migliore in campo assolutamente Mertens, il belga in queste tre giornate di Champions League è l’uomo in più. Con la Dinamo Kiev colpì una traversa (sulla respinta Milik segnò l’1-2) e un palo, col Benfica una doppietta e col Besiktas, un goal e due rigori procurati. Inoltre da quando il San Paolo era un fortino inespugnabile, in due gare consecutive sono arrivate due sconfitte e soprattutto sei reti subite. Campanelli d’allarme sui quali Sarri dovrà lavorare per rimediare quanto prima.

Articolo precedenteCasoria. Venerdì 21 ottobre (In) Formati sul Referendum Costituzionale.
Articolo successivoIl Giornale di Casoria, invita i cittadini a segnalare i disservizi alla redazione.
vive a Casoria, 22 anni, laureando in scienze dell'Amministrazione e dell'Organizzazione nella facoltà di Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Ha sempre amato scrivere per quanto concerne il calcio, scrivendo già per un giornale online e per “il giornale di Casoria” da novembre 2013 a marzo 2014. Il calcio è una passione che coltiva sin da piccolo.