Home Sport Napoli. Campioni del Mondo a Scampia

Napoli. Campioni del Mondo a Scampia

151
0
epa04860295 Presenter Dmitry Shepelev (L) and former Italian soccer player Fabio Cannavaro (R) attend the Preliminary Draw of the FIFA World Cup 2018 at Konstantinovsky palace outside St.Petersburg, Russia, 25 July 2015. St.Petersburg is one of the host cities of the FIFA World Cup 2018 in Russia which will take place from 14 June until 15 July 2018. EPA/MARCUS BRANDT

La struttura della scuola calcio Arci Scampia ha ospitato ieri mattina una partita di beneficenza che ha visto protagonisti alcuni ex campioni del mondo tra i quali Marcello Lippi, Ciro Ferrara, Fabio e Paolo Cannavaro, Marco Materazzi, con l’intento di raccogliere fondi, attraverso la fondazione Ferrara-Cannavaro, per il restyling della struttura, ancora di salvezza della periferia a Nord di Napoli. La squadra, che ha giocato una partita in due tempi da 25’, con sugli spalti il tifo delle scolaresche ed accerchiata da sponsor, si è recata a Napoli per il progetto Dreaming Scampia, organizzato da Soccerpass Events con fondazione Cannavaro-Ferrara. Hanno preso parte all’evento il presidente dell’Arci Scampia Antonio Piccolo, il sindaco Luigi de Magistris, il candidato sindaco del centrodestra Giovanni Lettieri, il presidente dell’VIII Municipalità Angelo Pisani, la mamma di Ciro Esposito, Antonella Leardi, numerose associazioni e scuole del territorio, e, ovviamente, i mister con le proprie squadre. L’ex capitano dei Campioni del Mondo del 2006, Fabio Cannavaro, ha così fatto riferimento all’importanza che tale struttura ha per il quartiere, spesso al centro delle notizie per fatti di cronaca nera: “I problemi ci sono sempre stati, da ragazzo li ho vissuti, ora se ne parla di più ed è un bene. Quello che possiamo fare è mandare il messaggio di fare sport, essere impegnati, non restare per strada”. E lo scopo della struttura che ospita 600 ragazzi è proprio quello di togliere dalla strada molte vite, su un territorio tristemente noto per fatti di cronaca nera, per dimostrare che anche a Scampia è ancora viva la speranza di un futuro migliore nel quale realizzare i propri sogni.