Home Sport Napoli atteso dall’insidiosa trasferta di Cagliari nel lunch-match

Napoli atteso dall’insidiosa trasferta di Cagliari nel lunch-match

134
0

cagliari-napoliE’ stata una settimana indimenticabile per il Napoli, “unforgettable week” come dicono in Oltremanica. Con i tre punti conquistati a Lisbona, gli azzurri non solo si sono qualificati, ma addirittura da primi in classifica. Nella storia europea del Napoli, centrati per la terza volta gli ottavi di finale e soprattutto la prima volta in assoluto, da primo nel girone.

E’ motivo di doppio orgoglio per il traguardo raggiunto dalla squadra di De Laurentiis. Ora non resta che aspettare lunedì alle 12 a Nyon, dove si conoscerà l’avversario degli ottavi. Gli spauracchi Real Madrid, Bayern Monaco, Manchester City e PSG dell’ex Cavani, sono dietro l’angolo. I tifosi azzurri naturalmente incroceranno le dita e sperano di pescare una tra: Bayer Leverkusen, Porto e Siviglia.

Nel frattempo però c’è da pensare alla partita di campionato che incombe alla sedicesima giornata, ovvero l’insidiosa trasferta sarda col Cagliari al Sant’Elia, nel lunch-match di domenica alle 12:30. Il Napoli ha già giocato a Cagliari in serie A per ben 30 volte, con uno score di 9 sconfitte, 15 pareggi e 6 vittorie. L’ultimo Cagliari-Napoli disputatosi, risale a due anni fa nella stagione 2014/15.

Allora in panchina c’era Benitez e il Napoli s’impose con un netto 0-3, a segno: Callejon, un’autorete e Gabbiadini. Quest’ultimo molto probabilmente sarà relegato in panchina a discapito di Mertens, il belga grande protagonista a Lisbona con un delizioso assist e un bellissimo goal, entrando dalla panchina proprio al posto di Gabbiadini.

Per quanto riguarda la formazione in generale, confermato Reina a porta, ballottaggio a destra tra Hysaj e Maggio e a sinistra tra Ghoulam e Strinic. Confermati i due centrali Koulibaly e Albiol, a centrocampo un posto tra Allan e Zielinski, col polacco favorito sul brasiliano, in mezzo Jorginho dovrebbe far rifiatare Diawara.

 A sinistra sicuro del posto capitan Hamsik, mentre in attacco a destra Callejon, al centro dell’attacco uno tra Mertens e Gabbiadini (col primo favorito sul secondo) e a sinistra uno tra Insigne e Mertens. Sarri è talmente bravo a nascondere l’11 titolare, che difficilmente si riesce ad azzeccare tutti gli effettivi, dunque aspettiamoci di tutto.

Articolo precedenteLa gestione dei rifiuti del cantiere edile tra procedure, responsabilità e norme deontologiche.
Articolo successivo“Il coraggio di un amore senza speranza”, romanzo d’esordio di Gennaro Trabucco presentato nella sala conferenza della Sasha Tech. Il ricavato completamente devoluto alla casa famiglia Neverland.
vive a Casoria, 22 anni, laureando in scienze dell'Amministrazione e dell'Organizzazione nella facoltà di Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Ha sempre amato scrivere per quanto concerne il calcio, scrivendo già per un giornale online e per “il giornale di Casoria” da novembre 2013 a marzo 2014. Il calcio è una passione che coltiva sin da piccolo.