“La situazione degli ospedali napoletani è totalmente fuori controllo. Intervenga il Questore, non è più pensabile che dei medici, dei lavoratori, subiscano minacce ed aggressioni di ogni tipo semplicemente per attenersi alla legge e fare il proprio dovere. L’episodio che riguarda il primario del Loreto Mare Alfredo Pietroluongo, al quale va tutta la mia solidarietà, è soltanto l’ennesimo atto di violenza perpetratosi ai danni dei nostri sanitari in questi mesi”. Lo dichiara Ermanno Russo, vicepresidente del Consiglio regionale e componente della Commissione Sanità.
“Le leggi che inaspriscono le pene vanno bene ma da sole non bastano”, aggiunge Russo. “Serve un’attenzione specifica, un intervento mirato del Questore, che ha il quadro generale di quanto sta accadendo”, rincara.
“I nostri medici vivono situazioni da ospedale da campo, sono praticamente in guerra. È chiaro che in queste condizioni non ci saranno mai più operatori disponibili a prestare servizio presso i pronto soccorso napoletani né ‘eroi’ disposti a rischiare la propria vita o, comunque, l’incolumità e la tranquillità semplicemente per fare il lavoro per cui sono pagati”, conclude Russo.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •