«In questi ultimi giorni tutta l’Italia è stata flagellata dal maltempo con disagi per la cittadinanza e numerosi danni dal Nord al Sud. Nella nostra Casoria i nuvoloni neri e le improvvise bombe d’acqua non si sono risparmiati: il San Mauro allagato; il sottopassaggio in via Pietro Nenni chiuso; il famosissimo Cantariello – o semplicemente Strada Provinciale 527 di Cantariello – ridotto a una palude di spazzatura e fango; le strade cittadine sbriciolate; buche in ogni luogo.

La cittadinanza di Casoria, nella sostanza, soffre l’incuria e la mancanza di progetti a lungo termine
Mentre alberi sono stati piantati al Parco Michelangelo, stamane un piccolo arbusto è caduto in Via Nazionale delle Puglie, precisamente ad Arpino allo svincolo che conduce a Via Lufrano e a quello che permette di inserirsi sulla Circumvallazione Esterna.
Questo piccolo alberello è caduto in una curva e soprattutto in un luogo dove spesso i pedoni attraversano la strada data la presenza di strisce pedonali oramai sbiadite; segnaletica orizzontale seminascosta tra gli alberi; semaforo pedonale rotto da innumerevole tempo; un mini sottopassaggio dominato dal fango, dalla spazzatura e da alberi mai potati; e dalle famose aiuole adottate ma lasciate all’incuria. Contattando telefonicamente la polizia municipale di Casoria, ufficio distaccato di Arpino, è stato risposto velocemente e sono stati inviati degli uomini.
Piccola parentesi: la fotografia al ritocchino per garantire la privacy di un automobilista che passava in tal momento.»

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •