Martedì 11 dicembre alle ore 21 ad Anfield andrà in scena Liverpool-Napoli, sesta e ultima partita del girone di Champions League. Una partita per sognare un posto tra gli ottavi di finale, per gli azzurri sarebbe la terza volta nella loro storia.

Un Napoli che deve svoltare il suo trend in Gran Bretagna: nessuna vittoria in 6 occasioni in cui ci è andato a giocare, raccogliendo 4 sconfitte e 2 pareggi. Tabù da sfatare. Il primo match fu proprio Liverpool-Napoli, stagione 2010/11.

Allora in palio c’erano i gironi di Europa League, Napoli che perse 3-1, nonostante il vantaggio iniziale firmato da Lavezzi. Nel 2011/12 ai gironi di Champions League: Manchester City – Napoli 1-1 (Cavani), anche qui il Napoli andò in vantaggio.

Sempre nel 2011/12, il Napoli arrivò per la prima volta nella sua storia agli ottavi, beccando il Chelsea. A Napoli 3-1 azzurro, a Londra un brutto 4-1 (Inler) interruppe il percorso europeo del Napoli. Chelsea che a maggio vinse poi la Champions League.

Nella stagione 2013/14 ai gironi di Champions League, Napoli di nuovo a Londra, ma con l’Arsenal, sconfitto per 2-0. Scivolò ai sedicesimi di Europa League, malgrado i 12 punti ottenuti ai gironi. Un epilogo assurdo, quanto folle.

Ai sedicesimi di Europa League il Napoli allora sfidò lo Swansea, finendo 0-0 in Galles. Nella stagione scorsa (2017/18) i partenopei ritrovarono ai gironi di Champions League, il Manchester City, come nella stagione 2011/12.

A Manchester Napoli uscì sconfitto per 2-1, con rete azzurra firmata da Diawara su rigore. La squadra di Ancelotti non deve farsi intimorire da questi numeri impietosi, perché ha tutte le carte in regola per vincere a Liverpool.

E’ un’impresa ardua, ma non impossibile. Verosimilmente in campo vedremo la stessa squadra dell’andata, con Mertens al posto di Milik. Mertens entrò subito bene, colpendo una clamorosa traversa.

Liverpool-Napoli sarà arbitrata dallo sloveno Skomina, col Napoli 3 vittorie su 4 precedenti, di cui solo 1 in trasferta: Nizza-Napoli 0-2 (Callejon e Insigne). Inoltre 3 volte su 4 ha segnato Insigne. Sarà l’uomo chiave anche stavolta?

Sarà una bella partita con 2 squadre che giocheranno per vincere, col Liverpool forte del suo pubblico, del suo stadio (un fattore non da poco) e col Napoli forte del suo entusiasmo e del carisma di Ancelotti, abituato a partite da questo peso specifico.

Condividi su
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •