Home Sport L’Italia batte l’Austria e vola ai quarti

L’Italia batte l’Austria e vola ai quarti

198
0

Euro 2020 entra nel vivo e ora si comincia a fare sul serio. Sabato nella seconda sfida degli ottavi di Euro 2020, dopo la sonante vittoria della Danimarca contro il Galles per 4-0, è scesa in campo l’Italia che ha incontrato una signora squadra, capace di imbrigliare il gioco fin qui bello ed efficace degli azzurri, mettendo in campo agonismo, ritmi alti e grande pressing. Dopo una gara sofferta, dura e molto combattuta, l’Italia ha potuto esultare staccando il biglietto per i quarti che si disputeranno a Monaco contro la vincente della grande sfida di stasera, Belgio-Portogallo. Mancini ha saputo costruire in questi anni, un gruppo vero, un mix di giovani ed esperti, giocatori provenienti da parecchie squadre, non c’è il solito vecchio gruppo della squadra più forte, ma come dicono gli stessi giocatori, un gruppo di amici che sa soffrire e giocare insieme. Si era capito subito che sarebbe stata una serata difficile, l’Austria è riuscita a tenere un ritmo altissimo fin dalle prime battute, mantenendolo per tutti e 120 minuti. Siamo stati aiutati dalla sorte e dalla presenza del VAR che ha annullato un gol per un fuorigioco millimetrico e ha evitato l’assegnazione di un rigore agli austriaci per un altro fuorigioco praticamente impossibile da intercettare ad occhio nudo. Ma la maggior qualità della squadra e la dimostrazione della solidità del gruppo sono venute fuori alla distanza. Mancini ha azzeccato i cambi mettendo in campo prima Pessina e Locatelli al posto di Verratti e Barella e poi Chiesa e Belotti per Berardi e Immobile. Proprio l’ex viola ha sbloccato il risultato a inizio supplementari con un bel gol: cross di Spinazzola (uno dei migliori in campo), stop dribbling e gran tiro in diagonale. Il raddoppio arriva poco dopo con Pessina che sembrava aver chiuso la gara che invece si riapre al 115’ quando l’Austria la riapre mettendo pressione agli azzurri fino alla fine. Una vittoria sofferta che sicuramente farà bene agli azzurri che fin qui avevano avuto un percorso netto e fin troppo facile. Ora si vola a Monaco e non importa contro chi, da ieri l’Italia è più forte, ha dimostrato di poter soffrire e che sia contro Lukaku o contro Ronaldo, gli azzurri metteranno in campo tutto quello che hanno per continuare la marcia e tornare a giocare la finale a Londra.

Fonte foto: Napoli Today