Ormai in tutta Europa impazza l’allarme listeria, il batterio individuato in molti prodotti surgelati.

Si è già parlato,a tal proposito ,del ritiro di una serie di minestroni Findus e di alcuni prodotti a marchio Freshona.

La listeria consiste in una famiglia di batteri composta da dieci specie.

Una di esse, “la listeria monocytogenes” provoca la listeriosi, una malattia che colpisce l’uomo e gli animali con sintomi prevalentemente gastrointestinali.

La trasmissione avviene sia tramite il consumo di cibi contaminati sia, ma molto più raramente, tramite il contatto con anomali o persone infette.

Il Ministero della salute e la Coldiretti hanno invitato alla calma.

Il consumatore deve, in realtà, verificare solo il marchio della confezione acquistata, i lotti di produzione riportare al punto vendita il prodotto incriminato.

Tuttavia sono opportuni determinati accorgimenti:

  • Cuocere sempre gli alimenti. Il calore, infatti, distrugge il batterio.
  • Lavare accuratamente frutta e verdura prime di consumarla
  • Conservare in frigo tutti gli alimenti freschi
  • Riporre glia alimenti in appositi contenitori chiusi
  • Evitare di mangiare carne cruda, formaggi prodotti con latte pastorizzato e prodotti affumicati
  • Non scongelare con l’acqua calda gli alimenti né mangiarli dopo la data di scadenza
  • Pulire e disinfettare frequentemente il frigorifero e il congelatore
  • Tenere il frigo ad una temperatura inferiore ai 5°C al fine di limitare la potenziale crescita di batteri.

Come si può notare sono tutti suggerimenti molto semplici e di facile applicazione ma preziosissimi in casi come questi.

Un invito allora per tutti a prendere atto a farli entrare tra le nostre  abitudini quotidiane.

 

 

Condividi su
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •