Home Cronaca & Attualità “L’Europa in… Comune”, i giovani democratici di Caivano parlano al mondo dell’industria

“L’Europa in… Comune”, i giovani democratici di Caivano parlano al mondo dell’industria

120
0

gdeventIndustria, crescita e sviluppo. Tre grandi temi, cuori pulsanti di un rinnovamento fondamentale che deve toccare le realtà locali, i piccoli e medi imprenditori, per uscire dall’impasse in cui il sistema industriale, specialmente del Mezzogiorno, si trova ormai da troppi anni. A dimostrare l’importanza di formare e informare tutti gli attori – industriali, professionisti, innovatori giovani e meno giovani, politici – che concorrono allo sviluppo della nostra città e del suo importante complesso industriale, sono stati i Giovani Democratici di Caivano. “L’Europa in … Comune”, l’evento che martedì 22 febbraio presso Ocima, all’interno della zona industriale di Caivano, ha riunito con successo rappresentanti del mondo industriale per discutere e conoscere più da vicino i fondi europei, ovvero delle opportunità di finanziamento messe a disposizione dall’Unione Europea per la programmazione 2014-2020.  Tanto l’entusiasmo di coloro che hanno aderito a questa iniziativa, che si è rivelata un momento utile e formativo per familiarizzare con strumenti apparentemente lontani, ma che è sempre più importante guardare ed osservare da vicino.
Tra i relatori l’avvocato Giuseppe Carannante, dirigente del Dipartimento per la programmazione economica della regione Campania, il quale si è soffermato a rispondere ad alcune richieste dei presenti sulla possibilità di accedere a finanziamenti a interessi zero, fondamentali per il sostegno all’imprenditoria giovanile, così come allo sviluppo di piccole e medie imprese. Il docente universitario Gianluca Luise, presidente di APEUR, Associazione Progettisti europei, ha invece analizzato le differenze tra fondi diretti e indiretti, entrando nel vivo di alcuni programmi tematici (Orizzonte 2020, EaSI, Cosme) e ricostruendo e semplificando l’iter che si cela dietro ad un finanziamento europeo, dalla volontà politica allo strumento finanziario a cui si può accedere. Infine l’intervento dell’onorevole Raffaele Topo, consigliere regionale e presidente della V Commissione permanente, il quale partendo dalle grandi potenzialità offerte dai finanziamenti, ha denunciato la mancanza di una visione lungimirante da parte della classe dirigente passata, che non  ha saputo cogliere, o lo ha fatto poco e male, le opportunità fornite dalla programmazione economica europea. “Il contesto sociale ed economico in cui viviamo – ha spiegato il consigliere – è una priorità assoluta, che obbliga le parti politiche, sia destra che sinistra, a tenerne conto in qualsiasi manovra si intenda attuare. Non possiamo essere ancora ciechi: tutti gli investimenti strutturali, così come una trasformazione territoriale più audace deve essere contestualizzata a dove viviamo, valutando potenzialità e limiti. In questo le nuove generazioni possono fare molto, anzi devono attivarsi, senza aspettare di essere autorizzati o “avere il permesso”.
I lavori sono stati aperti dalla neo segretaria dei Gd di Caivano, Giusy Palmiero, con i saluti affidati a Francesca Scarpato, candidata alla segreteria regionale della compagine giovanile. Soddisfatto il consigliere comunale Antonio Angelino il quale ha spiegato: “Solo attraverso una diffusione massiccia degli strumenti di sviluppo, di pianificazione strategica e territoriale si possano superare le difficoltà strutturali, logistiche e organizzative che attanagliano lo sviluppo delle economie del nostro paese.”

 

Articolo precedenteLa Gaiola, la più piccola isola di Napoli
Articolo successivoCasalnuovo. Servizio ad alto impatto dei carabinieri, due arresti
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli