emozioni-bambiniParlare di emozioni apre sempre scenari vasti poiché si tratta di un ambito complesso e vario. Le emozioni sono un fenomeno di fondamentale importanza nella nostra vita, conoscerlo e ancor di più essere in grado di gestirlo ci aiuta da innumerevoli punti di vista. Bisogna però sottolineare che la consapevolezza dei propri stati emotivi  è un po’ un’eco dell’educazione che si riceve sin da piccolini. L’importanza dell’educazione dei bambini, secondo questa ottica, è stata a lungo attenzionata in numerosi studi, sino ad arrivare ad affermare che insegnare ai piccoli a riconoscere e saper esprimere i propri sentimenti in modo cosciente è il primo passo per imprimere dentro di loro uno spirito di empatia e di socialità, che gli permetterà di affrontare nel migliore dei modi non solo le relazioni con gli altri, ma anche quella con se stesso. Verso i quattro anni, il bambino è già in grado di esercitare un certo controllo sui propri impulsi istintivi interni. Certo, non è solo una questione di carattere, serve esercizio da parte del bambino, o del ragazzo , per poter nel tempo essere sempre più consapevole dei  propri sentiti interiori. Fondamentale in questo l’aiuto concreto dei genitori e delle figure educative di riferimento che devono abituare il bambino sin da subito ad esprimere con nome l’emozione che prova in determinate circostanze. Che sia rabbia, gioia, tristezza, il bimbo deve esser guidato ad esprimere tali emozioni senza confonderle con  la sensazione fisica che  spesso li accompagna. Il bimbo va quindi incoraggiato a nominare senza paura le sue emozioni, quasi come ad alfabetizzarle.  Questo sarà infatti il primo passo che gli consentirà poi  di sapersi mettere alla prova e gestire i propri sentimenti nel contesto in cui, anche crescendo, si troverà sempre immerso: cioè quello sociale. Ciò gli permetterà di conoscere anche una “dimensione esterna” dell’emotività e potrà forgiarsi verso talune sensazioni non sempre piacevoli da cui nella vita non possiamo prescindere. Una buona consapevolezza interiore di sé e del proprio mondo aiuterà quindi i nostri bambini ad essere equilibrati e pronti ad affrontare molte sfide, un domani!

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •