La politica del disordine, litigi e urla durante un’ assemblea del Pd a Napoli

L’evento che si è svolto ad Ercolano nella giornata di ieri, Mercoledì 14 Marzo, ha fatto parlare di se non per la costruttività ma, bensì per il disordine. Durante un confronto sulle possibili dimissioni del segretario Massimo Costa, nell’ aula è esplosa la rabbia generale contornata di litigi e urla.

Si ringrazia sempre la Polizia di Stato per la sua presenza, grazie al quale tutto è tornato sotto controllo.

L’intervento forse scomodo di Nicola Oddati riguardo le dimissioni e la risposta di Tommaso Ederoclite sul tempo esaurito per l’ intervento del ”Rivale”, potrebbero essere la causa di questo evento spiacevole.

Questo genere di notizie non fa bene al Partito Democratico Campano e in una nota, il consigliere regionale del suddetto partito Antonio Marciano afferma:

”Dire che la responsabilità è di tutti non deve significare che le responsabilità sono uguali per tutti. Qualsiasi ripartenza presuppone la ricostruzione di un pensiero e poi di un modello organizzativo e di nuove categorie per interpretare una società profondamente cambiata,ma poi sarà anche questione di nomi e cognomi credibili per guidare una risalita”

La frase conclusiva del consigliere Marciano è stata:

‘Chi ha guidato il partito a Napoli e in Campagnia deve compiere un gesto di serietà e mettersi di lato per aiutare una ripartenza. Il tema è rispondere alle centinaia di migliaia di persone che ci hanno punito,alle quali dobbiamo dire con nettezza che abbiamo imparato la lezione”

Il finale è sempre lo stesso: situazioni tristi contornate da belle parole di cambiamenti e rinascite ma,mentre tutto questo trambusto mediatico fa il suo lavoro di impatto,il popolo è sempre più scontento e disorientato.

Ormai la politica dell’ ordine che fu, si è ridotta ad essere un’ immensa vallata di promesse mancate e delusioni perpetue.


Pubblicato

in

da