di Rosario Ioio – Gli ultimi aggiornamenti sull’emergenza pandemica dovuta al Covid-19 (Coronavirus) in Campania confermano una situazione relativamente buona (se confrontata ad altre aree del paese) come è stato finora, pienamente sotto controllo delle autorità.

In base agli ultimi dati forniti dall’Unità di Crisi della Regione Campania, che rende pubblici i suoi bollettini giornalieri in orario pomeridiano, si conferma il trend di crescita quotidiano regolare, ma a ritmi inferiori rispetto alle settimane precedenti.

Da diverse realtà ospedaliere e sanitarie della nostra regione emerge un quadro abbastanza confortante nei numeri: per esempio, si ravvisano solamente due nuovi casi positivi nel territorio compreso tra Aversa e Marcianise, tra i 145 tamponi processati dall’Asl di Caserta competente per quel territorio, mentre per quel che riguarda l’ospedale “Moscati” di Avellino, su 83 tamponi esaminati, e quelli di Nola (su 76 tamponi)  ed Eboli (su 97 tamponi) non si registrano nuovi casi. Il numero massimo di nuovi positivi proviene dal “Cotugno” di Napoli, con nove nuovi pazienti su 494 tamponi effettuati.

Purtroppo si registrano altre cinque vittime nelle ultime ventiquattro ore, portando il totale dei decessi ad oltre 358 su tutto il territorio regionale.

I pazienti ricoverati con sintomi sono in leggero rialzo, oltre 540, in controtendenza con l’andamento nazionale, mentre allineato a quello è la curva discendente dei ricoveri in terapia intensiva: 37, otto meno di ieri.

Il quadro abbastanza roseo della situazione ha spinto il governatore De Luca ad una prima apertura ieri, con un’ordinanza che permetteva tra le altre cose di fare camminate e jogging non troppo lontano da casa; ma visto il grande assembramento di persone sul lungomare, si è provveduto ad una parziale retromarcia, rendendo ora possibile solo le camminate, ma non il footing.

Ci si avvicina sempre più al 4 maggio, la data che segna a livello nazionale l’inizio della fase 2, con il progressivo allentamento delle rigide regole imposte dal lockdown, secondo un preciso calendario che detterà i tempi delle riaperture.

Tra le novità salienti c’è la possibilità di tornare a viaggiare per il territorio regionale anche per andare a trovare congiunti, conviventi e altri parenti stretti, compilando un apposito nuovo modello di autocertificazione che dovrebbe uscire a giorni.

Si fa affidamento in questa fase così delicata sul buon senso di tutti i cittadini e sulla loro collaborazione, affinché tutto vada per il meglio e si possa finalmente intravedere la luce alla fine di questo lungo tunnel; fatto salvo che la convivenza con questo virus è un fatto acquisito al quale bisognerà adeguarsi con gli strumenti necessari a farvi fronte, almeno fin quando avremo a disposizione un vaccino, per ottenere il quale si stanno concentrando tutti gli sforzi della comunità scientifica internazionale.

 

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •