Home Moda & Costumi La modella Ines Trocchia: “Mi sono affermata con abnegazione e convinzione”

La modella Ines Trocchia: “Mi sono affermata con abnegazione e convinzione”

514
0
scrivere sotto foto Jan Francis
Foto: Jan Francis

(Francesco Celiento) Il Giornale di Casoria intervista Ines Trocchia, 20 anni, indossatrice di Avellino che sta emergendo a Milano anche come fotomodella Ines Trocchia è, si può dire, l’ultima scoperta della moda campana. Nonostante abbia appena 20 anni, già si è stabilita a Milano come indossatrice ed ha fatto servizi fotografici e pubblicità per marchi e riviste di settore prestigiose: Alcott, Zuiki, Fabrizio Corona, Valeria Marini, magazine come Gq e Maxim; ha lavorato con maestri della fotografia fra cui Alberto Buzzanca, Max Simotti, Pino Leone e fatto campagne pubblicitarie anche all’estero (America, India e Cina). Ines, nativa di Avellino, ha i capelli biondi scuri,  gli occhi castani, è alta 1.72, si è diplomata al liceo scientifico prima di immergersi completamente nel mondo della moda. Non è fidanzata, ama la corsa, gli piace tanto l’attore statunitense Mark Wahlberg, a tavola preferisce il roast beef, odia la monotonia e le persone indecise e lente. Per le vacanze  si accontenta di tutto: mare, monti o laghi, basta che sia un posto particolare, ma la città è il posto che preferisce. 

In qualche anno, sei riuscita ad affermarti come indossatrice e modella: ci dici il tuo “segreto”?
Non esistono segreti, bisogna impegnarsi e sacrificarsi, nessuno mi ha mai regalato nulla e tuttora faccio molti sacrifici per coltivare questo campo.

Hai mai avuto paura delle telecamere?
Ci sono state situazioni in cui non mi sono trovata particolarmente bene, ma ho sempre cercato di impegnarmi al massimo. Quindi direi di no…
Anche se, sopratutto agli inizi, è normale essere un pò insicuri.

Si mormora che fra di voi, ragazze dello spettacolo, esistono invidie, gelosie e contrapposizioni…
Purtroppo è cosi. Ho poche amiche Nel settore. Personalmente sono una persona che non guarda mai gli affari altrui, preferisco concentrarmi sui miei obiettivi, anzi se posso dare una mano lo faccio pure con piacere. Purtroppo noto che, invece, molte mie coetanee si preoccupano più di come screditare le altre piuttosto che concentrarsi sul proprio lavoro. Io dico: meglio sprecare le proprie energie per se stessa.

Le ragazze con le tue caratteristiche sono le preferite dagli uomini. E’ vero che hai frottole di giovani e giovanissimi che ti gironzolano intorno?
È vero, ma è importante la qualità e non la quantità, cosa molto rara oggi.
E soprattutto la bellezza, é un’arma a doppio taglio, perché troppe persone si soffermano solo sul tuo aspetto, io diversamente guardo molto la mentalità.

Tutti hanno un sogno nel cassetto. Il tuo qual è?
Viaggiare, vedere nuovi posti, conoscere nuove lingue, magari anche grazie al mio lavoro.

Te ne sei andata al Nord per lavorare, a Milano; per quale motivo spesso non è possibile lavorare stabilmente a Napoli?
Ma Napoli credo che nel campo della moda sia un mercato in crescita, gli devo molto perché mi ha dato buone opportunità. Ma penso che bisogna credere in quello che si vuole e quale città migliore di Milano per la moda?

Hai mai ricevuto una proposta indecente?
Si, ma solo chi ha la consapevolezza di non valere nulla scende a compromessi.

 

Articolo precedenteArea a Nord di Napoli. Quando l’Islam fa paura!
Articolo successivoAmerican Sniper: elogio di un eroe americano
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli