Home Senza categoria La Juta a Montevergine: storia di una festa e di una tradizione...

La Juta a Montevergine: storia di una festa e di una tradizione dal 1139.

305
0

manifesto_della_juta_2014_450x300I pellegrini sono ancora una volta pronti per il tradizionale saluto alla Madonna.
Come ogni anno, si svolgerà ad Ospedaletto d’Alpinolo (AV) la tradizionale Juta a Montevergine. L’evento si ripete con costanza e devozione dal 1139 e vede migliaia di pellegrini avviarsi a piedi verso il Santuario della Madonna di Montevergine. La Juta, o salita al religioso monte, simboleggia l’intenzione di voler espiare i propri peccati, offrendo il sacrificio del faticoso percorso alla Madonna proprio nel giorno della sua festa. L’appuntamento sarà dall’undici al tredici Settembre, giorni durante i quali ci sarà grande festa in paese. La location non è lasciata al caso. Si pensi che lo stesso luogo, Ospedaletto, prende il nome dall’antica usanza di dare festosa ospitalità (di qui ospita – letto) a tutti coloro che si recavano a fare un saluto alla Madonna. Il percorso, anticamente più selvaggio, è stato reso più agevole con la predisposizione di un apposito sentiero che taglia la montagna; durante il cammino si trova una suggestiva struttura di pietra, levigata dal tempo, dalle sembianze di una gigantesca sedia. Si narra che quello sia il punto in cui la Madonna si sarebbe riposata prima di raggiungere il luogo esatto dove oggi si trova il famoso e visitatissimo santuario a Lei dedicato. Durante i giorni della Juta si fonderanno, ancora una volta con spettacolare maestria, l’aspetto religioso con quello folkloristico culturale nonché quello enogastronomico. Ci saranno danze popolari, artisti di strada in ogni angolo del paesino, sfilata dei cavalli con appositi carri allestiti, una marcia per la pace, la degustazione degli ottimi prodotti del Partenio e tanta buona musica dal vivo eseguita dai più importanti suonatori di pizzica e tammorra. Tutto avrà inizio la mattina del 12 alle 08:30 presso Piazza Demanio con la tradizionale Juta al Santuario di Montevergine e si proseguirà senza sosta fino alle 21:00 del giorno 13 nei pressi di Piazza Umberto. Per tutti gli appassionati di tradizioni e folklore, questa è un’occasione da non perdere!

Articolo precedenteNapoli. Forti senza violenza per un musical di pace e di fraternità.
Articolo successivoCasoria. Morta Maria “l’acquaiola”. Ultima espressione di antichi mestieri.
Sono bella colorata e mai condizionata. Possiedo un tratto deciso e pungente. Anche se più volte temperata non mi sento affatto consumata. Rompiscatole matricolata, evidenzio in rosso ogni giustizia mancata.