Una storia originale che diventa romanzo. L’ispirazione di scrivere come espiazione della clausura forzata che è stato il lockdown del marzo 2020 per il Covid19.

Nasce così “Il tempo fermo”, il primo romanzo di Giuseppe Storti, giurista di professione, dirigente presso il Consiglio Regionale della Campania ma anche giornalista, tra i più apprezzati nel panorama dell’editoria locale. Ma soprattutto fondatore e storico direttore per tantissimi anni de Il Giornale di Casoria. Una persona a cui la nostra testata è rimasta legatissima.

La vicenda è quella che capita per caso ad un uomo basato. Carlo, cinquantenne, abitudinario cronico, fin troppo convinto di quelle massime che fanno parte della nostra cultura partenopea; quel “non cambiare mai la strada vecchia con la nuova” che però si rivelerà come la sua atroce tortura dopo l’incontro con Sandra che gli cambia la vita.

I passi in quel treno affollato che Carlo prende ogni giorno per andare a lavorare al Centro Direzionale, lei, la sua voce e poi quello sguardo reciproco che cambierà per sempre la vita di entrambi. In una storia d’amore che trasporta Carlo fuori da quella quotidianità alienante che egli credeva fosse la sua massima aspirazione ma che invece si rivelerà come una prigione.

Ne nasce un confronto aspro, autentico, del protagonista con la sua stessa vita che mette in discussione tutto, la famiglia, la sua posizione economica e fin’anche il profondo rapporto di Carlo con l’amore più profondo, quello con la madre. Dal finale tutto da scoprire.

Un libro bellissimo in cui Storti, in modo crudo, reale, appassionante e per nulla banale racconta l’esistenza di tanti uomini – ma anche donne – che improvvisamente si ritrovano al centro di una vita che si accorgono di aver costruito ma non desiderato. Una vita vissuta fuori dai sentimenti più veri. Insomma una storia in cui tanti lettori si ritroveranno, scoprendo se stessi nei dubbi di Carlo e in quella certezza che l’autore ci prospetta come una verità assoluta: “L’amore è la leva che muove il mondo”.

Un testo snello che si legge d’un fiato che non poteva non destare le attenzioni del più importante editore napoletano, quel Diego Guida che con la sua casa editrice festeggia i cento anni di attività. Una vicenda che si sviluppa interamente a Napoli, in luoghi anche non troppo inflazionati dalle fiction, e che ancora una volta proietta la nostra città come palcoscenico artistico e culturale unico al mondo. Amato dall’autore.

Giuseppe Storti – “Il tempo fermo – anatomia di un incontro per caso”, Guida editori. Categoria, narrativa. Codice 9788868667450. Prezzo 10,00 euro.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •