Home Cronaca & Attualità Il social network del quartiere arriva in Italia: ecco Nextdoor

Il social network del quartiere arriva in Italia: ecco Nextdoor

120
0

Arriva in Italia ufficialmente Nextdoor, ovvero il social network di quartiere da settembre 2018 attivo in mlti quartieri itliani.  Nextdoor vuole creare comunità sicure e protette di soli vicini di casa. E l’idea non è azzardata perché Nextdoor esiste dal 2011 e sono già stati creati oltre 200.000 quartieri in cui gli utenti possono aggregarsi e scambiarsi informazioni, senza che nessuno fuori da quest’area possa interagire con voi o leggere i vostri contenuti “pubblici”.

In questo modo i quartieri saranno sensati e creati in base a logiche vicine a quelle di aggregazione che già esistono nella vostra città o nel vostro paese. Potrete poi aggiungere i quartieri confinanti al vostro, nel caso l’area di vostra “pertinenza” sia più ampia di quella proposta da Nextdoor. Ma non più di questo. Non potrete quindi “entrare” nei quartieri diversi dal vostro e da quelli confinanti e gli altri non potranno leggere le vostre discussioni.

Ci sono molti topic proposti dall’app stessa. Potrete vendere o cercare qualcosa da acquistare fra i vostri vicini, chiedere consigli, proporre un evento o segnalare problemi di sicurezza. Molto comoda la funzionalità per segnalare un animale o un oggetto scomparso. Infine potrete aprire una discussione generica.

Secondo uno studio gli italiani sono molto propensi a conoscere e fraternizzare con i propri vicini e un servizio come Nextdoor non può che assecondare questa loro inclinazione.

Nextdoor è gratuito e sopravvive grazie alla pubblicità che però non è mai invasiva (massimo 2 pubblicità per utilizzo) e sopratutto non è mai stata introdotta in Europa. Nel nostro continente l’azienda punta principalmente a far conoscere ed apprezzare il suo servizio così com’è, dando magari in futuro possibilità alle piccole aziende locali di iscriversi al servizio e pubblicizzarsi.

Nextdoor è già disponibile per Android e iOS e potete entrare a far parte del vostro quartiere virtuale fin da subito.

Testiamo questo ulteriore mezzo per fare rete nel nostro Quartiere.

Una piazza virtuale  costituta da persone che condividono i tuoi stessi interessi.

Una comunità ha sempre più forza, e voce in capitolo, se si mostra unita e compatta nell’affrontare le piccole e grandi problematiche od anche semplicemente se condividere opinioni ed esperienze.

Articolo precedenteGRADED punta sulla mobilità green: entro il 2019 il rinnovo dell’intero parco auto con un risparmio di 12mila kg di CO2 l’anno
Articolo successivoRifiuti alla fermata dell’ autobus tra Casoria e Arpino! Si accettano progetti per un salotto culturale!
Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali (cit.). Fondiamo le prime con l'educazione ed il senso civico , mentre le ali, la speranza di un futuro migliore, si conferiscono con il buon esempio di chi in prima persona si batte per ciò in cui crede. partendo da studi classici ritengo che la scrittura sia un ottimo strumento per farlo.