Home Ambiente Il nuovo business dell’illegale: la vendita di telline.

Il nuovo business dell’illegale: la vendita di telline.

294
0

SAMSUNG DIGITAL CAMERASigarette di contrabbando? Pane abusivo? Niente di tutto questo. Nelle nostre città in questi ultimi giorni sta nascendo un nuovo business, la vendita di telline. Avete letto bene, venditori ambulanti che vendono telline. Te li ritrovi quasi ad ogni angolo della strada, telline vendute in bottiglie di plastica, a prezzi bassissimi. In vista dell’estate, un bel spaghetto alle telline dopo una giornata di mare non può mancare sulle nostre tavole. Fate attenzione però, che il pescato molte volte è privo di tracciabilità presentandosi potenzialmente pericoloso per la nostra salute. Ecco, che gli uomini della Guardia Costiera di Mondragone al comando del 1° Maresciallo Maresciallo Giacomo Iodice nell’ambito delle azioni di contrasto alla pesca illegale e sotto il coordinamento operativo dell’Autorità marittima di Pozzuoli ed in aderenza alle linee stabilite dalla Direzione marittima di Napoli diretta dall’Ammiraglio Antonio Basile, nell’ambito dei più ampi controlli lungo il litorale Domitio hanno condotto una vasta brillante operazione di Polizia giudiziaria che ha permesso di scovare alcuni pescatori di frodo pronti ad immettere sul mercato una considerevole quantità di prodotto non tracciato e privo di qualsivoglia etichettatura in danno agli ignari consumatori oltre che in spregio alla normativa di settore ed ai tanti operatori onesti presenti nel settore ittico. Nel dettaglio i militari sono intervenuti con prontezza elevando sanzioni amministrative per oltre 1000 euro unitamente al sequestro degli attrezzi da pesca dal valore di circa 2000 euro ed al sequestro di circa 50 kg di telline rigettate successivamente in mare per il loro popolamento. Tale operazione si inserisce nella più ampia attività svolta dalla Guardia Costiera mirata al controllo della filiera ed al contrasto delle attività che palesemente violano la normativa nazionale e comunitaria sulla pesca al fine di salvaguardare i consumatori ed assicurare il rispetto delle norme in vigore oltre che dei parametri stabiliti in ambito comunitario.

Articolo precedenteSant’Antimo. Conclusi i festeggiamenti per la festa patronale
Articolo successivoCaivano. Operazione “alto impatto” nel parco verde
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli