Buona la prima per gli azzurri. Vittoria in trasferta sul campo del Parma, una vittoria maturata nella ripresa e concretizzata nel finale. Si riparte da “Ciro” Mertens e da Insigne, ma a dare la scossa è stato l’inserimento di Osimhen che ha dato vitalità all’attacco e a tutta la squadra dopo un primo tempo piatto.
Sul fronte sicurezza e norme anti-covid, c’era una spasmodica attesa per l’ingresso dei 1000 tifosi autorizzati ad assistere alla gara e il ritorno ad un minimo di normalità. L’afflusso all’interno dell’impianto è stato tranquillo e non ci sono stati assembramenti nemmeno prima del fischio di inizio, ai cancelli. Attenta l’organizzazione e i continui inviti dello speaker a rispettare le regole, compreso il rigoroso divieto di esporre striscioni, bandiere e sciarpe hanno aiutato non poco.
Gattuso ha scelto per il primo Napoli della stagione i seguenti giocatori: Ospina, Di Lorenzo, Koulibaly, Manolas, Hysaj, Ruiz, Demme, Zielinski, Lobotka, Lozano, Mertens, Insigne. Il primo modulo dell’anno è il 4-3-3 che però è diventato 4-2-3-1 nella ripresa con l’ingresso della freccia Osimhen.
Il cambio Demme-Osimhen, ha dato la scossa alla partita che nell’ultima mezzora ha fatto intravedere il Napoli che può essere in futuro. La sblocca subito dopo il cambio Mertens che è veloce e preciso ad insaccare dopo uno strafalcione difensivo di Iacoponi, disturbato proprio da Osimhen. Cinque minuti dopo Insigne poteva chiuderla, ma il palo gli nega la gioia del gol che arriva comunque al 77’ mettendo dentro la respinta di Sepe su Lozano.

La prossima settimana esordio casalingo contro il Genoa, partito con un altro piglio quest’anno con la roboante vittoria contro il Crotone.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •