Le radici del territorio sono fondamentali per educare le attuali e nuove generazioni verso una prospettiva comportamentale produttiva e civile, il territorio nel quale si vive ha bisogno di essere analizzato sia da un punto di vista sociale, sia da un punto di vista storico che da un punto di vista volto a creare una prospettiva di salvaguardia. Il territorio di Casoria, ancora una volta si mette in gioco per aderire ad un ambizioso progetto che comprende tutti gli obiettivi sopra elencati. Il progetto UNISCAPE è nato dalla Rete Europea di Università per l’ attuazione della convenzione europea del paesaggio, esso comprende più di 52 istituzioni universitarie rappresentanti di ben 13 paesi europei. Con sommo orgoglio possiamo comunicare che l’ Università Federico II di Napoli è tra i soci fondatori ed è arricchita da un consistente gruppo di docenti che sono impegnati in attività di studio e di formazione sulle tematiche inerenti al paesaggio, in particolare quello campano, il nostro territorio si sposa perfettamente con questo fantastico progetto grazie all’ iniziativa didattica ”Paesaggi di Casoria”. Alla coordinazione di questa splendida iniziativa ci sarà il Prof. Gaetano Caputo, selezionato direttamente da UNISCAPE che collaborerà con il Prof. Antonio Bertini, Ricercatore ISMED, del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Il progetto sarà attuato presso l’ IC ”Filippo Palizzi” di Casoria dove gli alunni, già durante l’ Open Day di Dicembre, hanno realizzato cartelloni e slogan, suddividendo il territorio casoriano nei suoi paesaggi, riconducibili essenzialmente a quello rurale, delle aree industriali dismesse, il centro storico della Città e le aree periferiche. Al centro del progetto ci sono gli studenti, portatori di idee innovatice e ”a loro dimensione”, che proporranno azioni da attuare sul territorio per sentirlo proprio e per cercare di preservarlo, insieme alle istituzioni locali. La Dirigente Scolastica, prof.sa Stefania Colicelli, entusiasta dell’ iniziativa che ben si inserisce nelle linee programmatiche dell’ Istituto, ha dato la massima disponibilità per l’ attuazione del progetto.

 

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •