Home Casoria I CITTADINI CHIEDONO GLI AUTOVELOX IN VIA MAURO CALVANESE. ARRIVA LA RICHIESTA...

I CITTADINI CHIEDONO GLI AUTOVELOX IN VIA MAURO CALVANESE. ARRIVA LA RICHIESTA AL SINDACO

82
0

Con una lettera protocollata indirizzata al Sindaco Raffaele Bene e a tutti i membri del Consiglio Comunale di Casoria si chiede l’installazione urgente di nuovi ed ulteriori dossi rallentatori e di strumenti di rilevazione della velocità lungo Via Mauro Calvanese, arteria di cruciale importanza nei confini del quartiere Castagna. Via Mauro Calvanese è da sempre teatro di gare di velocità tra pirati della strada, che mettono a repentaglio la sicurezza e l’incolumità dei cittadini, i quali ora chiedono risposte concrete all’amministrazione comunale, che mai davvero ha agito per preservare la salute dei residenti della zona

Adesso finalmente una richiesta protocollata e indirizzata agli organi competenti, chiamati ad agire onde evitare spiacevoli incidenti che potrebbero interessare i cittadini casoriani, che soprattutto nelle periferie, chiedono maggiore attenzione e considerazione. Un’occasione ghiotta per il Sindaco, che esaudendo le richieste dei residenti potrebbe mettere a tacere con i fatti le critiche piovutegli in questi ultimi giorni. Sperando in un tempestivo intervento in Via Mauro Calvanese, che senza alcun dubbio necessita di autovelox per arginare la piaga dei pirati della strada, che da anni ormai sfrecciano a tutta velocità in un centro abitato, in sfregio alle più basilari norme del Codice della Strada. Peraltro lo stesso Codice a partire dal settembre scorso ha previsto proprio la possibilità per i comuni di istallare autovelox sulle strade urbane.

Articolo precedenteCasoria, nasce Co.Me.Te. comunità alloggio per minori
Articolo successivoRubrica Terza pagina. Anzianità: quale sessualità?
Non penso che tutti i rapporti dei servizi segreti siano scottanti. Alcuni giorni apprendo di più dal New York Times (cit.). Se esiste il diritto di cronaca esisterà anche quello di raccontare, perché un buon giornalista non è quello che scrive, ma quello che parla tacendo.