Importante riconoscimento a due giovani ingegnere campane tra cui Federica Caracò di Casoria: il primo premio assoluto dell’Healt technology challenge (Htc) con il lavoro “Valutazione di un protocollo per la verifica delle funzionalità di un sistema di riduzione della dose installato su tomografi assiali computerizzati” . Grazie all’algoritmo creato da Michela D’Antò della Fondazione G. Pascale e Federica Caracò dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, sarà possibile ridurre le radiazioni delle TAC del 40-60% garantendo comunque una buona qualità dell’immagine. Il progetto che ha ottenuto il massimo punteggio della giuria tecnica e popolare, ha sbaragliato la concorrenza di altri 162 progetti ed è stato premiato durante il XIX Congresso dell’Associazione nazionale degli ingegneri clinici (AIIC) che si è svolto a Catanzaro.
L’Health Technology Challenge (HTC) è un’iniziativa nata per dare spazio alla presentazione di esperienze e soluzioni innovative per i tanti piccoli e grandi problemi della sanità che ancora sembrano insormontabili; istituito lo scorso anno è giunto alla seconda edizione.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •