Home Politica Grumo Nevano: il PD espone la propria linea di condotta politica

Grumo Nevano: il PD espone la propria linea di condotta politica

152
0
La riunione pubblica, tenutasi ieri 15 febbraio presso la Parrocchia Santa Caterina di Grumo Nevano, è stata indetta allo scopo di illustrare il programma elettorale del PD. Ha introdotto il comizio il delegato provinciale Lorenzo Gervasio che ha evidenziato la crisi di Grumo Nevano che necessita, pertanto, della presenza politica del Partito Democratico per un rilancio concreto. Valeria Valente, deputata e candidata al Senato, ha cercato di sfatare il mito della vulgata generale che vede i politici tutti uguali facendo di tutta l’erba un fascio. Ha fatto riferimento, infatti, all’Italia di 5 anni fa che rischiava la bancarotta come la Grecia ma che è riuscita a riprendersi grazie prima a Renzi e ora a Gentiloni.
Ha animato i presenti a diffidare da Berlusconi, l’uomo delle promesse mancate a suo dire, ha messo in guardia dal protagonismo di Matteo Salvini e dal Movimento 5 Stelle che ha costruito la propria identità solo sull’onestà senza dar voce ad altre prerogative essenziali nella militanza politica.
Ha sottolineato che quello del PD è un modello di pace in grado di competere a livello globale che ha già attuato delle misure simboliche importanti come il ReI, il decreto Io Resto al Sud, il Bonus Renzi di 80 euro e altre in fase di attuazione come quella dei 240 euro a figlio al mese previsti per le famiglie con minori.
In seguito, sono intervenuti il sindaco di Frattamaggiore Marco Antonio Del Prete soffermandosi sul concetto di comunità del partito e dei cittadini, e Massimiliano Manfredi, deputato e candidato al Senato, che consapevole dei problemi del Paese e delle difficoltà di questa campagna elettorale ha affermato: ” Si gioca contro un avversario invisibile, ovvero la sfiducia, sicuramente non immeritata.” Ha posto enfasi sulla democrazia e sul valore del voto ribadendo che un possibile accordo scellerato fra Lega e M5S creerebbe un sistema antimeridionale e populista da contrastare.
Nicola Marrazzo, consigliere regionale e candidato alla Camera, come la Valente, si è soffermato sulle misure importanti realizzate dal partito affermando che l’ondata populistica che sta avanzando con Trump e Salvini è pericolosa.
Su Grumo ha detto : ” Non è un territorio ricco, non c’è il mare, non c’è arte né montagna. Abbiamo solo persone laboriose e intraprendenti.”
Per finire, Francesco Russo, candidato al Senato, ha ribadito l’importanza del deputato in quanto trait d’union fra territorio e partito.
Articolo precedenteClassifica Cinematografica. I 5 film più visti
Articolo successivoBollette della corrente elettrica in aumento, quali le cause?
Studentessa di psicologia presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", con la passione per la lettura e la scrittura. Amante dei viaggi con un'insaziabile curiosità di conoscere tutto ciò che vale la pena conoscere. Già redattrice per il sito Fonte ufficiale.