Home Moda & Costumi Grande successo per “Je suis Kiki” di Alessio Visone, in passerella...

Grande successo per “Je suis Kiki” di Alessio Visone, in passerella sensualità e trasgressione

320
0

angela-acanfora-photographer-alessio-visone-2016-215Una collezione  immersa in un’ atmosfera anni Venti e Trenta, quella che ha caratterizzato la collezione a/i 2016/2017 di Alessio Visone. Trasgressione e sensualità hanno caratterizzato tutti gli  abiti, dai baby doll cortissimi e audaci, a lunghi e avvolgenti dress con spacchi e fruscii di seta, abiti a vita bassa e stole di pelliccia, frange di corallo e fregi militari, vezzose cloche e lunghissime collane.
Gran risalto è stato dato alle silhouette diafone e alla schiena, compreso l’abito da sposa sul finale, con ricami e intriganti trasparenze. Le elegantissime tute stile impero si sono alternate a tailleur da pomeriggio, le giacche dagli alamari dorati a corpetti scolpiti da rouches, pantaloni larghi e morbidi, completi dai toni più vari.
La tavolozza dei colori  va dalla neutralità candida del burro e dell’avorio alle tonalità della terra, del fango, dell’ocra e del marrone; dalle sfumature seducenti del rosa cipria, del corallo e del ciclamino, all’ intensità del bordeaux, del rosso rubino e del verde oliva; dalla ieraticità del grigio perla e del blu fino al trionfo del nero.
Minuziosa la ricerca e la scelta dei tessuti, impalpabili e preziosi, arricchiti da ricami liberty in seta, coralli e paillettes o da fantasie floreali che richiamano rose, anemoni e peonie. Spazio anche agli accessori, come sempre dei must have imperdibili: pochette con piume e catene, shopping bag in nappa e camoscio, nate dal feeling creativo dello stilista e della designer di borse Monica Palmieri (Aphros Capri ) impreziosite dall’intervento artistico di Alessio Visone. Le scarpe con punta arrotondata, tacco doppio e lunghi lacci, ciondoli stilizzati e coiffe maliziose.
“Una donna anticonformista e charmante che ama sedurre e sorprendere – ha dichiarato Alessio Visone – che ama osare, intrigare e sentirsi libera da regole e costrizioni. La mia collezione è difatti nata per caso, da una mia curiosità e dell’attrice ed amica Cristina Donadio, che ci ha portati ad approfondire la vita scandalosa e fuori dalle righe della modella francese Alice Prin, in arte  -Kiki- una delle figure centrali della effervescente Parigi degli anni Venti, che divenne, grazie alla sua bellezza e al suo carattere anticonformista, amica degli artisti della Parigi dell’epoca. angela-acanfora-photographer-alessio-visone-2016-241Era l’incarnazione della schiettezza, dell’audacia e della creatività. Amante e musa di Man Ray la ritroviamo nella celebre foto: Violon d’Ingres. Ritratta come un violoncello, il suo corpo diventa uno strumento da suonare, un concetto molto lontano dalle idealizzazioni classiche, ed io l’ho voluto riportare in chiave contemporanea facendo rivivere nella mia collezione tutti gli aspetti del suo essere sfrontato e sfacciato.Per me il fascino e l’eleganza sono senza tempo.”

 

Articolo precedenteTrasferta casalese amara per il Casoria, l’Albanova vince in rimonta
Articolo successivoAdidas lancia il progetto “See Naples…and Run”
E' una giovane mente creativa del panorama artistico napoletano. Giornalista, Fashion Editor, Photographer, Video-Maker, Graphic Designer, social media marketing, blogger, non si stanca mai di mettersi in gioco e cimentarsi in nuove esperienze. Appassionata di moda e fotografia, si laurea nel 2012, in Fashion Design e specializzandosi in Comunicazione, editing e Advertising.