Home Cronaca & Attualità Gli alberi vittime del maltempo

Gli alberi vittime del maltempo

557
0

di Elena Petruccelli – “Gli alberi e le acque si amano e si aiutano con fraterna vicenda: gli alberi proteggono le acque, le acque alimentano gli alberi” scriveva Pascoli, quando il cemento non aveva ancora monopolizzato le nostre città. Il maltempo ha sradicato i cipressi nelle aiuole lungo via Giovanni Pascoli, ad Arpino. La strada dedicata al poeta che probabilmente più di ogni altro, amava gli alberi e la natura. Il settore Ambiente è alle prese con il monitoraggio in diversi punti cittadini. Stesso destino ad un albero in via Michelangelo, messo a dimora appena una settimana fa, in concomitanza con la fine dei lavori per la riqualificazione della strada e della Festa dell’albero. Tanto lo sconcerto dei cittadini nel vedere le sentinelle del verde, ormai amici indispensabili per spezzare il grigiore del cemento, con chioma e tronco stesi sul bordo del marciapiede. Anche sui social si pubblicano le foto degli ultimi caduti. Sempre allo studio degli uffici dei tecnici Verde Pubblico è il furto delle griglie protettive delle aiuole in via Principe di Piemonte. Abbiamo iniziato il nostro articolo raccontando l’amore di Pascoli verso la natura e chiudiamo con una nota nella sua opera ‘Odi e Inni’ : “L’Italia deve rivestire i suoi monti già spogliati dalla spensierata ingordigia dei possessori, se vuol da per tutto ciò che, per provvidenza, per disinteresse, per virtù dei maggiori, è qui…”

Articolo precedenteLe date della campagna vaccinale dai Camilliani
Articolo successivoIniziativa di solidarietà per chi è meno fortunato.
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli