Home Eventi Giornate Europee del Patrimonio il 19 e il 20 settembre 2015

Giornate Europee del Patrimonio il 19 e il 20 settembre 2015

90
0

Giornate Europee del Patrimonio 2015-2Si ripeterà nel fine settimana il consueto appuntamento settembrino con le “Giornate europee del patrimonio” (GEP), promosso dal Consiglio d’Europa e la Commissione Europea al fine di potenziare uno scambio culturale tra le Nazioni. Tra il 19 e il 20 settembre tutti i luoghi di cultura statali saranno aperti al pubblico con particolari costi e orari d’ingresso. Sabato 19 saranno previste aperture straordinarie negli enti che hanno aderito all’iniziativa. Numerose quest’anno le strutture non statali ma civiche come musei, archivi e biblioteche che parteciperanno alla manifestazione consce dell’importanza di “aprire le porte” alla conoscenza di posti spesso dimenticati ma dal grande valore storico, artistico e culturale. Quest’anno lo spirito delle GEP è pervaso da una tematica che appassiona e accomuna la popolazione mondiale: l’alimentazione. Cosa accomuna un museo e il cibo? In apparenza nulla! In realtà molto di più in quanto il cibo, come un’opera d’arte o un libro, racconta l’identità e il modus vivendi di una comunità. Il motto di quest’anno delle GEP sarà infatti “L’arte è alimento, alimenta l’arte”; dunque cibo e arte come veicolo di incontro fra culture.

Qui www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/images/CALENDARIO_CAMPANIA.pdf sarà possibile essere aggiornati sui programmi e eventi delle giornate. Viviamo in un mondo in cui si cerca la globalizzazione ma che nello stesso tempo cerca di salvaguardare quell’identità storica e alimentare che negli anni un po’ è andata perduta. Ora resta solo da decidere in quale luoghi quei giorni ci si vorrà “cibare” di cultura.

Articolo precedenteCasoria. Il centro storico cade a pezzi!
Articolo successivoCaivano. Si insedia la nuova segretaria comunale. La dottoressa Giulia Risi
Storica dell'arte, addetta all'accoglienza turistica Regione Campania. Ama l'arte in tutte le sue poliedriche sfaccettature, dalla letteratura al cinema, dal teatro alle mostre museali, il tutto condito dalla passione per la cucina meridionale. La citazione che più la rappresenta appartiene ad Oscar Wilde:"Si può esistere senza arte, ma senza di essa non si può vivere".