Home Politica Forum della Gioventù: eletta Assia Di Stadio

Forum della Gioventù: eletta Assia Di Stadio

180
0

Forum della Gioventù elezioniSi sono svolte lo scorso giovedì 5 febbraio le elezioni del coordinatore del Forum della Gioventù. Le votazioni, cominciate con oltre un’ora di ritardo a causa di un problema, poi risolto, riscontrato con una delle numerose deleghe della serata, sono state presiedute dall’assessore alle attività culturali e all’istruzione pubblica Luisa Marro. Ad aggiudicarsi il ballottaggio alle votazioni è stata Assia Di Stadio, eletta con 14 voti contro i 13 del candidato Luigi Alessio Adimari, zero le schede bianche. Il neo presidente Di Stadio ha quindi provveduto a presentare la giunta, approvata anche in questo caso da 14 voti contro 13 e composta da: De Luca Carmela Nunzia, Faiella Chiara, Maione Aniello, Credentino Marco Alessio, Bruno Alfonso, Ferrara Maria. Verbalizzato il tutto, Di Stadio ha ringraziato tutti i presenti, rilasciando le seguenti dichiarazioni: “Il nostro obiettivo è fare un unico gruppo e lavorare tutti quanti insieme. Quindi, per chi ha voglia di proseguire il percorso iniziato, noi siamo ben propensi ad ascoltare qualsiasi idea. Buon lavoro a tutti e grazie”.

Il Giornale di Casoria augura all’intero Forum della Gioventù di poter continuare a progredire e diventare un fattore determinante a sostegno di iniziative e progetti dedicati ai giovani. Questo al fine di riavvicinarli alla vita attiva della comunità casoriana, data l’incapacità della politica “dei grandi”, troppo lontani dalle reali esigenze della gente.

Articolo precedenteCasoria. Madre Cristina Brando presto Santa!
Articolo successivoSant’Antimo. Migranti in piazza contro la schiavitù
Classe 91. Giornalista pubblicista e studente di Lettere moderne presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Vicedirettore presso Il Giornale di Casoria (con cui collabora dal 2012), giornalista e social media manager Fantagazzetta. L'energia, l'impegno, la responsabilità e l'ottimismo sono e sempre saranno il mantra della mia attività di giornalista, considerando i traguardi non come punti di arrivo, ma come stimoli che inducano a dare sempre il massimo.