Home Sport Esordio pirotecnico: Acerrana – Virtus Talanico Parete 4 – 1

Esordio pirotecnico: Acerrana – Virtus Talanico Parete 4 – 1

130
0
ph. Giusy Messina
ph. Giusy Messina
ph. Giusy Messina

Un esordio migliore la nuova Acerrana non poteva augurarselo. Quattro reti al Comunale, davanti ad un pubblico straordinario, e primi tre punti messi in cassaforte dagli uomini del tecnico Borriello.
Acerra abbraccia così il nuovo Toro granata. Un debutto in campionato straordinario, sia per la prestazione sia per il calore sugli spalti con il quale i tifosi acerrani hanno accolto il ritorno nella sua arena del tanto amato Toro. Galvanizzati dal pubblico delle grandi occasioni, l’ Acerrana ha ripagato i propri supporters con una prestazione eccellente, sulla scia di quella già esibita nel match di coppa della settimana scorsa, condita questa volta da un roboante poker. Preda di turno, la Virtus Talanico Parete, che ben poco ha potuto contro l’Acerrana di quest’oggi. Poche le briciole che la squadra di casa ha concesso agli ospiti: un paio di attacchi sporadici e un gran goal del fantasista De Girolamo, direttamente da punizione, le note dei rossoneri casertani.

La partita – Mister Borriello conferma per 10/11esimi la squadra che ben ha figurato nella gara di coppa di Domenica scorsa. Unico cambio in difesa, dove l’infortunato Lo Prete è costretto a dare forfait. Il tecnico granata decide di assegnare così la fascia mancina a De Chiara, all’esordio in maglia granata. In attacco il trio delle meraviglie Di Sarno, Panico, Piscopo, con il giovane Petrella, recuperato dall’infortunio, scalpitante in panchina.
Il gran caldo e la l’onda di supporters granata sugli spalti (circa un migliaio) monopolizzano i primi minuti del match. In campo le squadre si studiano, Panico e Di Sarno provano alcuni affondi ma la difesa ospite si chiude bene.
La svolta arriva dopo la mezz’ora quando Piscopo con uno spiovente dalla tre quarti mette in crisi il portiere avversario Greco, la cui uscita a vuoto spalanca la porta al Cobra Di Sarno, il capitano, che non deve far altro che piazzare il colpo di testa vincente. Al 33’ l’Acerrana passa così in vantaggio.
La gioia dei giocatori e dei tifosi dura però solo pochi minuti, perché al 38’ il fantasista ospite De Girolamo tira fuori dal cilindro la perla di giornata: una punizione da 30 metri che si insacca nel sette, alle spalle di Selvaggio. Una grande prodezza, che permette così agli ospiti di trovare il pareggio. I granata subiscono il colpo e due minuti dopo si ritrovano anche sotto di un uomo: Ponticelli, già ammonito, si becca la seconda ammonizione per un litigio con il neo entrato Masiello. In questo momento delicato però, esce fuori la forza del gruppo che mister Borriello, con dedizione e lavoro, ha creato in questi due mesi. L’uomo in meno responsabilizza i granata che, nonostante l’handicap, sono comunque padroni del campo e del gioco. Allo scadere della prima frazione è Di Sena ad andare vicino al nuovo vantaggio, di testa da calcio d’angolo, con uno stacco imperioso in anticipo sul primo palo. Il pallone termina però alto.
Sul risultato di 1-1 e con i padroni di casa sotto di un uomo, si va negli spogliatoi.
Nella ripresa, i granata tornano all’attacco. Panico è continuamente pericoloso. Al 53’ ci prova direttamente di punizione, con un mancino velenoso, seppur centrale, che costringe l’estremo difensore ospite a deviare in angolo. Al 55’ l’arbitro Caracallo ristabilisce la parità, sventolando il rosso anche al calciatore Masiello, per un fallo sull’attaccante granata Panico.

ph. Giusy Messina
ph. Giusy Messina

Pochi minuti dopo, al 61’, arriva la svolta del match. Panico, incubo delle difese avversarie in questo avvio di stagione, subisce un fallo appena entrato in area di rigore. L’arbitro non ha dubbi e decreta il penalty. Dagli undici metri si presenta lo stesso attaccante, che spiazza il portiere e insacca il pallone nell’angolo basso alla sinistra di Greco. Ancora una rete per il bomber granata, protagonista in queste prime gare, e ancora una corsa sotto alla tribuna. Questa volta l’urlo dei tifosi è ancora più assordante.
Gli ospiti sono a pezzi, complice anche l’espulsione del difensore Cangiano per proteste sul rigore concesso. I padroni di casa, dopo aver subito l’inferiorità numerica per un quarto d’ora, senza però mai andare in affanno, si trovano ora con un goal ed un uomo in più.
La partita prende così la piega ideale per mister Borriello ed i suoi, i quali possono gestire in totale serenità, il vantaggio conquistato. L’ultima mezz’ora vede poi lo show del giovane Petrella, subentrato a Piscopo, il quale mette la firma su entrambi le azioni che completano il poker granata, prima al 76’ con un fantastico velo che libera in area D’Amore, il cui tiro, deviato sulla traversa da Greco, giunge sulla testa dell’altro neo entrato Assanti, che non deve far altro che appoggiare in rete, e poi all’ 85esimo, con la gioia personale della prima rete in maglia granata, grazie ad un sinistro chirurgico a fil di palo, alla destra del portiere ospite.
L’acerrana è spietata, e cala il poker alla prima di campionato. Una vittoria frutto del lavoro di una società entusiasta ed appassionata, oltre che seria, di un allenatore caparbio e preciso nei dettagli, che lascia il segno sia sul gioco che sul carattere in campo dei propri calciatori, e di un gruppo di ragazzi, figli della città, tutto cuore e muscoli.
La vera vittoria avviene però sugli spalti, dove i tifosi granata ritrovano quell’entusiasmo che dopo anni di delusioni si era assopito, ma non era di certo scomparso. Il toro è vivo ed è più forte che mai.

Tabellino:
Acerrana: Selvaggio, Ponticelli, Divino, Passaro, De Chiara, Messina (21’ D’amore), Tufano, Di Sena, Piscopo (49’ Petrella), Di Sarno (70’ Assanti), Panico;
All. Borriello
Virtus Talanico Parete: Greco, Cangiano G., (37’ Masiello), Cantone, Maione, R. Cangiano, Lenzone, Costanzo (46’ Froncillo), Ruggiero, Iavarone, De Girolamo (54’ Troise), Iaiunese
All. Chiariello

Arbitro: Caracallo di Napoli;

Reti: 33’ Di Sarno, 62’ Panico (rig.), 76’ Assanti, 85’ Petrella (A); 38’ De Girolamo (VTP);

Ammoniti: Ponticelli, Tufano, Di Sena, Di Sarno, Petrella (A); Cantone, Lenzone, Masiello, Froncillo (VTP)

Espulsi: Ponticelli (A); Masiello, Cangiano R. (VTP).

Note: Spettatori 700 circa.

Ufficio Stampa a.s.d. Polisportiva Acerrana

Articolo precedenteCasavatore. Al via le candidature presso il Consiglio generale del Consorzio Asi di Napoli
Articolo successivoCasoria Calcio. Debutto con un pareggio: è 0 -0 con la Sangiovannese
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli