Home Cinema & Teatro Emesso un nuovo francobollo per il 120° anniversario della nascita di Eduardo

Emesso un nuovo francobollo per il 120° anniversario della nascita di Eduardo

77
0
E’ stato forse uno dei personaggi più significativi per il popolo Napoletano, l’icona delle icone insieme ad altri grandi che hanno contribuito ad elevare ai massimi livelli l’arte di Napoli nel mondo, Eduardo De Filippo, o solo Eduardo perché basta e avanza, forse l’unico personaggio a cui non serve il cognome per essere riconosciuto.
Nato il 24 Maggio del 1900, ieri ricorreva il 120 anniversario della sua nascita e  per questo, il Ministero dello Sviluppo Economico ha emesso un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “le Eccellenze italiane dello spettacolo” del valore di 1,10 euro.
Stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato in 600mila esemplari, in rotocalcografia su carta bianca patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente.
Il bozzetto a cura di Fabio Abbati, raffigura, sullo sfondo di un sipario un ritratto di profilo di Eduardo De Filippo con la scritta “EDUARDO DE FILIPPO”, le date “1900 • 1984”, la scritta “ITALIA” e l’indicazione tariffaria “B”.
Per il primo giorno di emissione il francobollo è disponibile nello Spazio filatelia di Napoli in Via Monteoliveto, lo stesso annullo più  i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettini illustrativi saranno disponibili negli Uffici Postali con sportello filatelico, gli “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona e sul sito poste.it.
Disponibile anche una cartella filatelica in formato A4 a tre ante, contenente una quartina di francobolli, un francobollo singolo, una cartolina annullata ed affrancata e una busta primo giorno di emissione, al costo di 15 euro.
Articolo precedenteRubrica: “Usi, costumi, consuetudini del mondo classico”. Niente di nuovo sotto il Sole!
Articolo successivoIntolleranza al latte vaccino? Ecco le alternative!
Raccontare quello che accade senza dare giudizi, senza cedere alle pressioni, probabilmente non è il giornalismo dei giorni nostri, ma è sicuramente dare il giusto servizio ai lettori. Vive a Casoria, scrive, fotografa, sogna.