Home Casoria Emergenza Coronavirus-Distretto Sanitario 43 di Casoria: Disposizioni per gli assistiti dei Medici...

Emergenza Coronavirus-Distretto Sanitario 43 di Casoria: Disposizioni per gli assistiti dei Medici di famiglia.

760
0

In seguito al propagarsi dell’infezione da coronavirus CoViD-19, in relazione alle direttive Nazionali ed Aziendali, nonché alle raccomandazioni delle organizzazioni sindacali, si rende necessaria una organizzazione degli ambulatori di Medicina Generale molto rigida, nell’interesse della popolazione assistita e degli operatori sanitari.
SI PREGA VIVAMENTE DI OSSERVARE LE SEGUENTI INDICAZIONI:
1) i pazienti con FEBBRE, TOSSE e/o RAFFREDDORE e/o MAL DI GOLA non possono accedere all’ambulatorio se non avendo prima contattato il proprio medico per via telefonica. Sarà il medico a stabilire, facendo semplici domande, codificate dalla Direzione generale dell’ASL Napoli2 (TRIAGE TELEFONICO), se già intervenire con farmaci o fissare la visita su appuntamento presso l’ambulatorio o inviare al centro epidemiologico della stessa ASL.
2) l’ambulatorio NON HA LIBERO ACCESSO. Se il paziente volesse consultare il medico per visita, controllo esami o altro è necessaria la prenotazione telefonica. Ci sarà una prenotazione ogni 15 minuti e sarà necessaria la massima puntualità. L’accesso all’ambulatorio sarà consentito ad una sola persona per volta.
3) non sarà possibile avere in sala d’attesa più di tre persone per volta e alla distanza di almeno 1 metro. L’utilizzo da parte del medico e del personale di mascherina evita in primo luogo di diffondere il contagio ad altri pazienti ed è una misura di sicurezza fondamentale.
4)persempliciprescrizionidifarmacioesamiocertificatiilpazientedevecomunicare le proprie necessità telefonicamente o di persona (tenendo presente il punto 3) e concordare la modalità di ritiro delle ricette.
5) È possibile l’invio via mail delle ricette, tranne quelle rosse, e dei certificati.
Si invita a ridurre al minimo la presenza in ambulatorio.
QUESTE INDICAZIONI RIMARRANNO PER TUTTO IL PERIODO DELL’EMERGENZA DA CORONAVIRUS.