Home Politica Elezioni, intervista a Isabella De Luca

Elezioni, intervista a Isabella De Luca

279
0

Isabella De Luca è una insegnante di educazione fisica e sostegno, molto conosciuta sul territorio della frazione di Arpino e non solo per la sua storica vicinanza al mondo dello sport e del sociale. La passione per lo sport l’ha portata a ricoprire ruoli di responsabilità presso la Federazione Italiana di Ginnastica e il CONI. 

Per le elezioni del 25 settembre è candidata al Senato per i Verdi nel collegio plurinominale Campania 1. 

“Ho molto riflettuto prima di accettare questa candidatura. Credo che fare politica non significhi solo candidarsi ma soprattutto essere al servizio del territorio.Io per anni attraverso il mio lavoro il sindacato e il ruolo che ho ricopro in ambito sportivo e sociale sono sempre stata al servizio dei più deboli. La candidatura non l’avevo prevista e inizialmente avevo rifiutato. Ho trascorso giorni a pensare: in un momento storico così difficile ognuno devo fare qualcosa per il futuro dei nostri figli .Non agire equivale a contribuire a distruggere il nostro mondo, e non parlo solo dell’ambiente. Ho accettato per essere ancora una volta in prima linea con un entusiasmo che non immaginavo ma del resto è sempre lo stesso, quello che ho sempre messo in tutto ciò che ho fatto nella mia vita.  Oggi sono candidata nei Verdi e Sinistra Italiana facendo la mia parte con orgoglio e grande entusiasmo”

Da ambientalista qual’è il suo pensiero sulla crisi energetica in atto e quali sono le idee del suo partito?

“La crisi energetica che stiamo vivendo adesso non ci permette di aspettare oltre dobbiamo recuperare gli extra profitti. Chi si è arricchito deve restituire alla collettiva. Su questo siamo irremovibili. Come già fatto in altri paesi, è necessario inoltre introdurre subito il tetto al caro del gas e favorire più possibile l’utilizzo delle rinnovabili. Per il nucleare noi pensiamo di sfruttare al meglio le centrali già esistenti ma assolutamente non crearne altre. Sarebbe un investimento con costi e tempi non concepibili. Non abbiamo più tempo.

Quali sono le problematiche ambientali che andrebbero affrontate sul territorio a Nord di Napoli ?

“L’area nord soffre da sempre di un basso livello di qualita ambientale. Non a caso quest’area è identificata come Terra dei Fuochi. Bisogna, in tempi brevi, provvedere ad un controllo capillare delle periferie, dove purtoppo si scaricano rifiuti, dotarsi di un sistema di video sorveglianza che faccia da deterrente per evitare nuovi scarichi. Provvedere alle analisi delle falde acquifere per evitare che I campi coltivati non diano vita a prodotti contaminati.

Questo credo sia un passo fondamentale ma credo che sia fondamentale anche continuare a diffondere la cultura ambientalista.

Da educatore credo nel ruolo della scuola. Bisogna introdurre ore di ed ambientale. La scuola forma il cittadino non lo dimentichiamo.” 

Su quali altri temi si focalizza il programma della sua lista?

“La legalità e lo sviluppo sono tra i tanti temi quelli a cui più teniamo. Noi non siamo giustizialista ma legalitari.

Siamo per il rispetto della legge ma anche per il recupero soprattutto dei minori e lo dico da educatrice.

La scuola è lo sport sono infatti i temi centrali della mia campagna elettorale.”

Articolo precedenteElezioni, intervista a Antonella Ciaramella
Articolo successivoIl restauro delle statue delle Terme di Agnano svelato al pubblico
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli