Home Napoli Edgar Allan Poe: tra genio e follia alla Galleria Borbonica

Edgar Allan Poe: tra genio e follia alla Galleria Borbonica

127
0

edgar allan poe galleria borbonicaMi hanno chiamato folle, ma non è chiaro ancora se la follia sia o meno il grado più elevato dell’intelletto, se la maggior parte di ciò che è glorioso, se tutto ciò che è profondo non nasca da una malattia della mente, da stati di esaltazione della mente a spese dell’intelletto in generale“. È su questa misteriosa ed enigmatica citazione che si incentreranno gli spettacoli di sabato 23 e domenica 24 luglio presso la Galleria Borbonica di Napoli. Il tema di fondo dello spettacolo è proprio la follia ed il mistero e nessuna location sarebbe stata più adatta del Tunnel Borbonico, un luogo immerso nei meandri di Napoli tra arte, cultura e soprattutto mistero.

Il maestro del giallo, Edgar Allan Poe è stato scelto dalla compagnia teatrale “Il Demiurgo” per mettere in scena quattro spettacoli in due giorni (con due repliche al giorno, una alle 19.30 e l’altra alle 21) dal titolo emblematico “Viaggio tra genio e follia nella mente di Edgar Allan Poe“. Lo spettacolo, inedito, è stato prodotto in collaborazione con “Nevermore: genio, orrore e follia” con l’obiettivo di raccontare attraverso il teatro esperienze in bilico tra l’onirico e il folle, storie incentrate sulla follia, il genio e l’orrore perché come diceva Poe “nessuno ancora ha potuto stabilire se la follia è o non è una suprema forma di intelligenza”.  Il regista Francescoantonio Nappi ha scelto di rendere omaggio con questi spettacoli, che si replicheranno il 30 e il 31 Luglio nel parco di Villa d’Ayala a Valva, allo scrittore statunitense considerato uno dei padri del racconto poliziesco, del giallo psicologico e della letteratura dell’orrore. Sulla scena saranno rappresentati gli ultimi momenti della vita dell’autore di grandi classici quali “Il corvo” e “Il Gatto nero” con tutte le sfumature della sua grande personalità interpretate in chiave onirica per descrivere un viaggio attraverso la sua incredibile inventiva e la sua fantasia macabra.

La Galleria Borbonica è stata scelta come luogo ideale in cui ambientare questo spettacolo, coi suoi colori chiaro-scuri, cupa e misteriosa, antro e allo stesso tempo museo per rappresentare in un’atmosfera onirica uno spettacolo che permetta agli spettatori di sognare ad occhi aperti, perché “quelli che sognano di giorno sono consapevoli di tante cose che sfuggono a quelli che sognano di notte“. (Edgar Allan Poe)

Articolo precedenteAfragola. Donna si lancia dal balcone: secondo indiscrezioni, era ubriaca
Articolo successivoHiguain dal Napoli alla Juve: alto tradimento
23 anni, laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli studi di Napoli Federico II. Ha intrapreso la carriera universitaria con tenacia e determinazione per realizzare i suoi sogni: diventare giornalista e insegnare. Da sempre appassionata di letteratura ama scrivere e leggere classici, ha già scritto per due giornali e crede che, come sosteneva Giovanni Falcone, “chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola”.