Questa mattina il parco in via Michelangelo a Casoria era gremito di gente per la visita del ministro  Di Maio in città.

Presenti all’evento non solo giornalisti, ma anche privati cittadini, esponenti di associazioni, carabinieri e, naturalmente, una folla di curiosi.

Il ministro ha parlato ai giornalisti, ha “inaugurato” con la sua presenza il neo parco in via Michelangelo, ha ascoltato i presenti, fatto foto e piantato un albero nel nostro polmone verde appena aperto.

“Ogni cittadino deve fare la sua parte- ha detto il ministro. noi facciamo la nostra parte qui oggi in una terra che oltre ad alberi ha bisogno di bonifiche per tutto l’inquinamento che ha subito in questi anni- prosegue- Il tutto ha bisogno di processi lunghi, ma noi siamo in prima linea e ci mettiamo la faccia, ci prendiamo le responsabilità e anche qualche merito se ci sarà”.

Non è l’unica visita per Di Maio: dopo Casoria è stato anche a Pozzuoli, Villaricca e Portici con un’incontro che si concluderà a breve. Scopo di tutto è stato non solo il confronto, ma anche il rimboscamento non solo del nostro comune, di Napoli o della Campania, ma di tutta Italia.

Il politico ha parlato del progetto di impiantare migliaia di alberi in tutta la Penisola per consentire ai cittadini non solo di respirare “aria buona”, ma anche per impedire catastrofi naturali come quella che sfortunatamente in queste ore, ha colpito la città di Venezia.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •