Home Casoria Dal biodigestore esce fuoco di paglia

Dal biodigestore esce fuoco di paglia

450
0

Maria D’ Anna – Interesse ha suscitato in città la notizia della ipotetica installazione di un biodigestore in zona via Pio XII. I biodigestori sono impianti di riciclaggio che trasformano i rifiuti organici in energia, con una tecnologia sulla cui sicurezza molti esprimono diverse perplessità, per la pericolosità per l’ambiente dei residui delle lavorazioni effettuate in questi impianti. Alla notizia che tale eventualità potesse realizzarsi nella città di Casoria due suoi ex sindaci, Giosuè De Rosa e Stefano Ferrara, hanno lanciato via internet preoccupati segnali di allarme, esprimendo tutto il loro dissenso su questa vicenda. Proteste che hanno portato il sindaco della città Raffaele Bene ad emettere un comunicato in cui chiarisce la posizione ufficiale dell’ Amministrazione Comunale. “In merito a notizie circa l’istallazione di un biodigestore a Casoria né il Comune di Napoli né la Regione Campania“ chiarisce Bene“hanno inviato alcuna formale comunicazione al Comune di Casoria. Da interlocuzioni sia con la Giunta Comunale di Napoli sia con l’ ATO Napoli 1, di cui anche diversi consiglieri comunali di Casoria fanno parte, viene categoricamente smentita la notizia circa la presunta collocazione del suddetto biodigestore. Abbiamo comunque chiesto un incontro formale con i soggetti coinvolti per scongiurare che non solo a via Pio XII ma in ogni zona della nostra città tali impianti impattino con le residenze e con la vita dei cittadini. Ci riserviamo di tenere aggiornata la cittadinanza su ogni ulteriore sviluppo, invitando tutti a non creare allarmismi, perché l’interesse della salute pubblica e della tutela dell’ambiente è priorità di questa Amministrazione”.

Articolo precedenteNapoli, Ostigard nuovo difensore
Articolo successivoNuovo convegno sulle norme per il diritto al lavoro dei diversamente abili
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli