La situazione di Ctp va incancrenendosi, la Città Metropolitana, che in questa vicenda rappresenta la proprietà, dica cosa vuol farne dei lavoratori, ancora senza stipendio e buoni pasto, e del servizio pubblico che l’azienda espleta, spesso in zone non servite da altri vettori e che quindi oggi sono sostanzialmente isolate”. Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale Ermanno Russo.
“La Regione ha fatto la sua parte fino in fondo, sia sul piano dell’ascolto, convocando un’audizione in Commissione Trasporti, che amministrativamente, sborsando risorse fresche per l’efficientamento aziendale, ma le notizie che giungono ancora in queste ore parlano di una manutenzione ferma e di autobus in deposito. Una situazione, insomma, non più tollerabile per cittadini e lavoratori”, prosegue Russo.
“C’è un problema di gestione, l’azienda chieda alla proprietà cosa vuol farne di un patrimonio di storie e servizi che farebbe inorgoglire qualsiasi ente pubblico di questo Paese meno, evidentemente, che l’attuale governance dell’ex Provincia di Napoli. Siamo vicini ai lavoratori di Ctp che stanno assistendo impotenti a questo ipocrita teatrino sulla loro pelle”, conclude il vicepresidente del Consiglio regionale Ermanno Russo.

Condividi su
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •