Home Emergenza COVID-19 Covid-19: Si chiamerà Immuni l’app per il sistema di tracciamento dei contatti

Covid-19: Si chiamerà Immuni l’app per il sistema di tracciamento dei contatti

135
0
E’ stata scelta l’APP con cui si tracceranno gli spostamenti e i contatti di eventuali persone positive al COvid-19. Il suo nome è Immuni e sarà molto utile a partire dalla fase 2 e nelle fasi successive all’emergenza.  Il commissario straordinario per l’emergenza sanitaria Domenico Arcuri ha firmato oggi l’ordinanza, con cui si stipula un contratto di cessione gratuita della licenza d’uso sul software e di appalto di servizio gratuito con la società Bending Spoons, la quale si occuperà anche degli aggiornamenti necessari nel corso dei mesi.
Non sarà obbligatoria, sarà scaricabile in modo volontario e si compone di due parti. La prima è un sistema di tracciamento dei contatti che sfrutta il bluetooth. Attraverso tale tecnologia, sarà possibile rilevare la vicinanza tra due smartphone entro un metro e ripercorrere a ritroso tutti gli incontri di una persona nel caso risultasse positiva al Covid-19, così da poter rintracciare e isolare i potenziali contagiati. Immuni conserva sul dispositivo di ciascun cittadino una lista di codici identificativi anonimi di tutti gli altri dispositivi ai quali è stata vicino.
La seconda parte è un diario clinico contenente tutte le informazioni più rilevanti del singolo utente (sesso, età, malattie pregresse, assunzione di farmaci) e che dovrebbe essere aggiornato tutti i giorni con eventuali sintomi e cambiamenti sullo stato di salute.
Vista la base volontaria, si spera in una collaborazione massiccia dei cittadini, affinché possa essere efficace, il 60% degli Italiani dovrebbe scaricarla. In ogni caso si inizierà con una sperimentazione in alcune regioni pilota.
Articolo precedenteRegione Campania, Covid-19: Bollettino 16 Aprile
Articolo successivoRICEVIAMO E PUBBLICHIAMO “Casoria, interrogazione scritta sulla “somma urgenza” del sindaco al cugino. Fuccio (Pd) chiede chiarimenti”.
Raccontare quello che accade senza dare giudizi, senza cedere alle pressioni, probabilmente non è il giornalismo dei giorni nostri, ma è sicuramente dare il giusto servizio ai lettori. Vive a Casoria, scrive, fotografa, sogna.