Fonte foto: La Repubblica

Ci avviamo alla chiusura della seconda settimana di Fase 2, che onestamente ed obiettivamente non è stata affrontata come in teoria ci si aspettava. E’ stato più un rompete le righe per quanto si è visto in strada. Traffico impazzito, fiumi di persone in giro dopo settimane di quarantena anche se la stragrande maggioranza rispetta le direttive, indossando correttamente la mascherina e facendo attenzione nel mantenere la distanza. I soliti noti, meglio definirli così per non essere offensivi, vanno ancora in giro a piede libero senza avere rispetto per se stessi e soprattutto per la comunità.

I numeri al momento sembrano comunque confermare il rallentamento della contagiosità. Ieri in tutta la Campania sono stati effettuati 3606 tamponi e le persone risultate positive sono solo 15. A Casoria nessun contagio nella giornata di ieri e ben 5 persone guarite, che portano il conto dei concittadini ancora in cura per il Covid-19 a 20.
Dobbiamo sperare che questo trend si mantenga stabile anche dalla prossima settimana, vero e proprio banco di prova considerando i 15 giorni medi di incubazione. Se così fosse, un minimo di sospiro di sollievo potrebbe essere tirato e avviarci verso una fase 3 con più consapevolezza.
La cosa certa è che non possiamo abbassare la guardia, seppur fastidioso e non usuale dobbiamo continuare ad avere questo stile di vita ancora per molto. Non possiamo pensare di ricominciare fin da subito a vivere come prima, sarebbe da incoscienti e vanificherebbe tutto il lavoro e il sacrificio fatto fino ad oggi. L’economia deve ripartire certo, ma non servirà a molto se la salute di tutti non viene preservata.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •