Home Cronaca & Attualità Continua la protesta dei lavoratori della cooperativa “Confini”

Continua la protesta dei lavoratori della cooperativa “Confini”

176
0

protestaI lavoratori della cooperativa “Confini” sono scesi di nuovo in “piazza” a protestare. Questa volta la sede di protesta è il comune di Frattamaggiore. Gli operatori socio-sanitari che lavorano sul territorio dell’ambito 17(Sant’Antimo, Frattamaggiore, Frattaminore, Grumo Nevano e Casandrino) non ricevono stipendio da nove mesi, ma c’è anche chi tra loro non lo percepisce dal 2012. Lo scorso 10 giugno Antonio Andreozzi,  il responsabile del CGL sul territorio a Nord di Napoli, era riuscito a stipulare un accordo con il sindaco di Frattamaggiore, secondo il quale nel più breve tempo possibile i lavoratori avrebbero ottenuto gli stipendi del lavoro svolto almeno fino a maggio. Ma ad oggi nulla è stato risolto.
Il primo cittadino frattese –  nonostante fosse stato avvisato tramite fax dal sindacato – non ha potuto ricevere i rappresentanti sindacali delle operatrici di “Confini”. Ad accoglierli c’era però  l’assessore alle Politiche Sociali che si è mostrato sensibile alle problematiche dei lavoratori ed ha garantito il massimo impegno sulla vicenda. Erano presenti al colloquio in rappresentanza dei lavoratori, i responsabili sindacali Antonio Andreozzi e Nicoletta Maggio, e due operatrici Emilia Comella e Nunzia Angelino.
Antonio Andreozzi, ha riferito:”La Cgl condanna il metodo clientelare di tutta la politica. L’offerta di poche ore di lavoro in cambio di voti dequalifica la legge 328, le lotte dei lavoratori e la qualità dello stesso lavoro. È inaccettabile che un operatore socio-sanitario debba percepire uno stipendio che gli spetta di diritto dopo 10 mesi e oltre”.

Articolo precedenteApre ad Aversa la prima factory interamente dedicata al fumetto
Articolo successivoCasoria. La storia di Vincenzo che commuove il web e abbandonato dalle istituzioni.
Sono di Sant’Antimo cittadina in provincia di Napoli, classe 1984, laureata in Lettere Moderne. Dicono di me che sono una “discreta” curiosa. Già redattore del giornale “Nova Tempora” collaboro per “Il Giornale di Casoria” e “infondonews”.