Home Ambiente Città tedesche alimentate al 100% dalle rinnovabili e supportate dalla tecnologia.

Città tedesche alimentate al 100% dalle rinnovabili e supportate dalla tecnologia.

94
0

Fonti-rinnovabiliLo stato tedesco si aggiunge all’elenco di luoghi virtuosi e vuole produrre il 300% di energia verde entro 15 anni.
Zona più ventosa della Germania, Schleswig-Holstein, probabilmente quest’anno si alimenterà al 100% dall’energia rinnovabile, in questo caso energia eolica. Cioè, la produzione di energia pulita sarà in grado di fornire tutto il suo consumo di energia elettrica. Ma il loro vero obiettivo è di generare il 300%.
Questa zona prevalentemente rurale è collegata alla rete, in modo che possa vendere l’elettricità in eccesso e consumare il proprio fabbisogno nei periodi in cui il vento non è disponibile.
La Vestas, società produttrice delle turbine ha sede proprio nel piccolo stato e ha circa 7.000 dipendenti. Un rapporto della German Wind Association ha fissato la capacità eolica fuori costa a circa 25.000 MW entro il 2030 e 4.000-6.000 MW a terra.
L’energia eolica è una parte così significativa della cultura tedesca che hanno rilasciato un master di Ingegneria Eolica disponibile a chi fosse interessato.
Otto anni fa lo stato produceva circa il 30% della sua elettricità dall’energia eolica, c’è stato quindi un grande progresso. Arrivare al 100% di elettricità da fonti rinnovabili è una grande conquista, ma non sarebbe la prima volta in Germania. Infatti a Feldheim, un villaggio tedesco produce oltre il 300% della sua elettricità da fonti rinnovabili, soprattutto dall’eolica e biogas. Il villaggio è meta di migliaia di turisti che lo visitano per la sua tecnologia.
Ci sono oltre 190 siti di energia pulita in Germania, e sono cosi oggetto di flussi turistici che la tiratura di una guida sulle destinazioni “verdi si esaurì alla prima stampa.

Articolo precedenteNotizie false in rete. Come riconoscerle.
Articolo successivoCasoria. Buca manda in tilt la circolazione nel quartiere Duca D’Aosta.
Studente di scienze della comunicazione e giornalista free lance/blogger, mi occupo di politica, ambiente e tecnologia. L'open source e l' e-learning sono le mie aree di specializzazione, infatti ho finanziato tramite crowdfunding e costruito una stampante 3D e produco video corsi.