Home Casoria Nuovo centro di accoglienza a Casoria: il sindaco Fuccio scrive...

Nuovo centro di accoglienza a Casoria: il sindaco Fuccio scrive al Prefetto di Napoli.

265
0

Novità riguardanti il centro di accoglienza che dovrebbe ospitare alcuni migranti a Casoria. Con una nota rivolta al Prefetto di Napoli, il sindaco, l’avv. Pasquale Fuccio, ha ribadito il clima di allarme sociale diffuso grazie alla notizia dell’apertura di un centro di accoglienza per i migranti, gestito dall’associazione Virtus Italia Onlus. al Parco S. Francesco di Via Giovanni Pascoli ad Arpino. Nel merito, il caso era stato sollevato grazie al M5S di Casoria, tramite la sua portavoce, Elena Vignati.

Il sindaco sottolinea che nella circolare emessa dal Ministero degli Interni il 10/10/2016 esiste una clausola di salvaguardia per gli enti comunali, che appartengono alla rete SPRAR, di attivare nuove forme di accoglienza. L’ente, scrive il sindaco, ha già aderito alla rete SPRAR nel 2013 con progetti che accolgono 84 migranti, oltre ad attività di pubblica utilità per taluni soggetti; ciò evidenzia l’impegno del Comune non solo nella fase di accoglienza ma anche nella reale fase di integrazione. Il primo cittadino casoriano invita quindi chi di dovere a rivedere le posizioni assunte e a ribadire che a Casoria non possono essere attivate altre forme di accoglienza. La nota scritta al Prefetto, è stata inviata alla Portavoce dei Cinque stelle di Casoria con una lettera di accompagnamento del Sindaco. La Vignati come sempre ha informato i cittadini pubblicando l’intero carteggio sulla sua seguitissima pagina del social F.B.

Articolo precedenteDa Sant’Antimo a Pozzuoli: lo scambio di droga tra il clan Puca e i Longobardi-Beneduce
Articolo successivoPorto di Napoli, Di Scala (FI): Riparte la navetta Porta di Massa-Beverello
Studentessa di lettere moderne presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II". Amante dei libri trattanti la metafisica. Autodidatta nel campo della pittura. La sua passione è sempre stato il giornalismo, e non vede l'ora di realizzarla.