E’ del 06/04/2020 il comunicato inviato dal Movimento Casoria Viva al Sindaco Raffaele Bene contenente le richieste a sostegno dei commercianti di Casoria per l’emergenza covid 19.
Si tratterebbe di misure volte a consentire alle attività economiche oggi chiuse, di essere messe in condizione di non chiudere definitivamente,uccidendo del tutto il tessuto economico della città.
In particolare viene richiesto:
Che sia consentito a tutti i negozi alimentari di far spendere i buoni(facilitando o eliminando il sistema di convenzioni).Evitare,però,che si utilizzino come buoni spesa con i fondi del governo i ticket resturant che comporterebbero per i negozi un danno economico,una perdita di fatturato ed un incasso a 90/120 giorni.
Sospensione di Imu,Ici,Tares,Tari, Tasi fino al 01/12/2020 per tutte le attività commerciali.
Eliminazione per le attività commerciali per il 2020 del pagamento di Tosap e Cosap ovvere le tasse sulle insegne pubblicitarie e l’occupazione del suolo.
Sospensione del pagamento dell’acqua per i commercianti fino al 01/12/2020 con possibilità di rateizzo per il 2021.
Prevedere un piano di sanificazione per tutti i locali commerciali di Casoria
Richiedere insieme ad altri sindaci e ad Anci Campania al Presidente della Regione De Luca di rivedere l’ordinanza regionale 25 del 28/03/2020 nella parte in cui non consente la consegna a domicilio per tutte le attività di ristorazione,almeno a partire dalla fase 2 subito dopo Pasqua ,consentendo. ai commercianti di organizzarsi per le consegne.
Casoria viva si è riservata ,inoltre, di far pervenire nuove proposte anche durante le fase 2.
Come si vede tutte iniziative molto interessanti che andranno al vaglio dell’amministrazione comunale
Attendiamo i prossimi riscontri.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •