Home Casoria Casoria. “Terranostra” occupata, domani lo sgombero. Gli attivisti non ci stanno.

Casoria. “Terranostra” occupata, domani lo sgombero. Gli attivisti non ci stanno.

167
0

11738072_10206293386924939_7003513201015726987_nNella giornata di ieri una macchina del comune è giunta a “Terranostra” l’ex sito militare occupato, per consegnare ai “cittadini attivi” che da qualche mese stanno rivalutando quell’area abbandonata un’ordinanza di sgombero. Stamattina alle 10, si è tenuto un presidio sotto la casa comunale, degli attivisti di Terranostra insieme a diverse decine di abitanti. Le persone mobilitate hanno chiesto di incontrare il commissario. Il sub-commissario dopo ripetute insistenze ha quindi ricevuto una delegazione dei manifestanti. I prefetti ribadiscono la linea dello sgombero coatto del bene, giustificandolo come un “atto dovuto” per il rispetto della legalità. Dalla discussione, ci fanno sapere gli occupanti dell’ex sito militare, emerge inoltre che non esiste ancora un progetto reale di destinazione finale dello spazio. Sgomberare Terranostra vorrebbe dire, dunque, richiudere questa area verde e lasciarla di nuovo al degrado ed all’abbandono. Pertanto domani alle 10:00 è previsto lo sgombero. L’Assemblea permanente di Terranostra lancia un appello a tutti i cittadini di opporsi a questa ingiustizia. L’imprenditore Carlo De Vita, ha voluto rilasciare alcune dichiarazioni in merito: “ho visitato personalmente il sito “Terranostra” ed è un progetto meraviglioso, di cultura e partecipazione, ho visto una comunità forte, sana, e con un grande senso del rispetto della natura. Bisogna trovare una soluzione, la città di Casoria ha problemi molto più seri, e se pensano che Terranostra occupata sia un motivo per ribadire il rispetto della legge lo facessero per strada, aumentando i controlli e regolamentando le attività commerciali”.

Speriamo che si possa trovare una giusta soluzione al problema, ce lo auguriamo nel bene di una città che vuole crescere e riappropriarsi delle tante aree dismesse del territorio.