Casoria sta diventando una cittadina “a rischio”: stanotte, a causa delle forti piogge, è franato ancora una volta un pezzo di strada.

Dove? Sempre in zona San Mauro dove già in estate  si aprì una voragine che inghiottì un autocompattatore della ditta Casoriambiente.

Questa volta si è formato un fosso lungo il cancello che divide la cattedrale di San Mauro dalla strada principale. Ribadiamo che la nostra Cattedrale è un monumento unico è dovrebbe rappresentare davvero il cuore e il centro della città.

Da quest’estate è tutto a pezzi e se qualche turista avesse in mente di fare un giro turistico, è il caso di dirlo, “casca male”.

Il sottosuolo di Casoria, così come si presenta, è cavo e il tratto di strada incriminato, così come altri del centro storico, è pericoloso per residenti e pedoni. Cosa si intenderà fare questa volta? Il comune è ormai diventato un colabrodo e collassa su se stesso.

La cittadina è piena di fosse, il manto stradale collassa su se stesso alla prima pioggia.

E’ appena arrivato l’autunno è già Casoria sprofonda. La domanda che tutti si pongono è: “Se adesso già stiamo in queste condizioni, cosa mai potrebbe accadere nei prossimi mesi?” Per ora, nessuna risposta… In città regna la paura.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •