Home Casoria Casoria ricorda il sacrificio di Mauro Mitilini

Casoria ricorda il sacrificio di Mauro Mitilini

359
0

Sono trascorsi trentuno anni da quando, nel 1991, il carabiniere originario di Casoria Mauro Michelini perse la vita insieme a due giovani colleghi, Andrea Moneta e Otello Stefanini. La tragedia avvenne mentre adempievano il loro dovere a Bologna in quella che da allora è ricordata come la strage del Pilastro compiuta dalla “banda della Uno bianca”.

Durante la commemorazione la presidentessa di Libera sezione di Casoria Maria Saccardo è intervenuta per rievocare l’accaduto, sul quale, sussistono ancora lati non chiari, e chiedendo l’ intervento di tutta la società affinché la storia non si ripeta. A presiedere il rito religioso, svoltosi nella basilica cittadina di San Mauro, il cappellano militare regionale dell’ Arma dei Carabinieri don Carlo Lamelza, il quale  ha rivolto il suo saluto al sindaco della città Raffaele Bene, al papà di Mauro, Gennaro, presente con la sorella di Mauro, Giovanna; al comandante della locale compagnia dei carabinieri maggiore Diego Miggiano, a quello della Polizia Municipale locale Giuseppe Sciaudone; alla Protezione civile; a Maria Saccardo, presidentessa del presidio cittadino di Libera. Ha ricordato come a Millini siano state intitolate strade ed edifici pubblici, tra cui una scuola. Ha definito Mauro e i suoi colleghi “pilastri viventi” ringraziando loro e Mauro per il loro coraggio.

Articolo precedenteIl commento su Juventus – Napoli
Articolo successivoCasoria: nasce la consulta delle persone con disabilità
Studentessa di psicologia presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", con la passione per la lettura e la scrittura. Amante dei viaggi con un'insaziabile curiosità di conoscere tutto ciò che vale la pena conoscere. Già redattrice per il sito Fonte ufficiale.