Home Politica Casoria, presentato il nuovo Piano Urbanistico Comunale. Casoria si proietta nel futuro

Casoria, presentato il nuovo Piano Urbanistico Comunale. Casoria si proietta nel futuro

665
0

Ieri pomeriggio, nella splendida cornice del parco Michelangelo, il sindaco di Casoria Raffaele Bene ha presentato il nuovo Piano Urbanistico Comunale e il Programma Integrato. A coadiuvare il primo cittadino erano presenti il presidente della Commissione Consiliare Urbanistica Alessandro Puzone, il direttore del Dipartimento di Architettura dell’Università Federico II Michelangelo Russo, l’architetto Salvatore Napolitano e il professore Enrico Formato. Un incontro all’insegna della trasparenza e dell’informazione, durante il quale gli esperti hanno illustrato ai presenti le finalità di questa ambiziosa sfida.

Un nuovo Piano Urbanistico Comunale, che andrebbe a sostituire il precedente ormai obsoleto, visto il suo mancato aggiornamento da quasi quarant’anni. Un proposito che fa onore ai promotori, ma che, come ben sappiamo, non è nuovo alla cronaca casoriana, dati i precedenti falliti degli ultimi anni. A rendere più forte in questo caso l’attuale Proposta di PUC è l’ampio spazio riservato alla rigenerazione del territorio, con l’obiettivo di restituire alla comunità le numerose aree dismesse della città. L’amministrazione Bene ha però dimostrato più di una volta di non temere le sfide complicate e, a dimostrarlo, è proprio la location dell’evento, quel parco Michelangelo inaugurato nel 2019 che rappresenta più di ogni altra cosa l’impegno del Sindaco e della sua giunta nel voler mantenere gli impegni e le promesse fatte alla cittadinanza.

Tanti i temi trattati durante un incontro piacevole ed esaustivo, in cui sono state gettate le basi per una Casoria moderna e al passo coi tempi. La parola d’ordine è senz’altro migliorare le condizioni in cui versa la città, con particolare attenzione alle zone più sofferenti, come per esempio il centro storico, dove, nell’ambito degli interventi del PICS sono stati valutati incentivi economici per favorire l’apertura di nuove attività commerciali nella zona. Non manca di certo la volontà di attirare investimenti: le ex zone industriali della città sono ricche di potenzialità e la volontà, mai celata, è quella di ridare una seconda vita alle molteplici aree dismesse del territorio. Casoria è infatti non solo un modello virtuoso per tutta la Campania ma anche e soprattutto il primo attrattore di fondi del PNRR della regione. Tra le idee più interessanti figura senza dubbio la “liberazione” di Piazza Cirillo dalle costruzioni abusive che la soffocano, demolendo gli edifici in questione per “spostarli” nei pressi delle aree riconvertite.

La presenza di tecnici di indubbia fama ha dato ancora più lustro alla presentazione del nuovo Piano Urbanistico Comunale, che, come evidenziato dal suo contenuto, si pone come obiettivo quello di tradurre la città di Casoria nel futuro.

Articolo precedenteSindaco Bene sulla presentazione del PUC: “Soddisfatti del lavoro svolto. In un paio d’anni cambierà il volto di Casoria”
Articolo successivoEuropa League: Il Napoli perde in casa contro lo Spartak Mosca, decisiva l’espulsione di Mario Rui
Non penso che tutti i rapporti dei servizi segreti siano scottanti. Alcuni giorni apprendo di più dal New York Times (cit.). Se esiste il diritto di cronaca esisterà anche quello di raccontare, perché un buon giornalista non è quello che scrive, ma quello che parla tacendo.