Home Senza categoria “Casoria meno sporca”: già raccolte centinaia di firme

“Casoria meno sporca”: già raccolte centinaia di firme

85
0

firmeProcede in maniera spedita l’iniziativa “Casoria meno sporca” lanciata dall’editore del Giornale di Casoria, Carlo De Vita. La proposta di introdurre lo spazzamento domenicale è stata subito accolta con grande entusiasmo dagli enti presenti sul territorio casoriano. Molte associazioni hanno manifestato la propria vicinanza al progetto di petizione popolare. I gazebi e i punti raccolta finora allestiti hanno suscitato enormi consensi da parte dei cittadini, permettendo di raccogliere fin dal primo momento un gran numero di firme. Nei prossimi giorni saranno predisposti nuovi punti per la raccolta firme nei punti nevralgici della città, fiduciosi della preziosa collaborazione di nuove associazioni e dei cittadini per perseguire il nostro diritto a vivere in una “Casoria meno sporca”. Prosegue intanto la raccolta firme e la distribuzione dei moduli presso i punti Napolincasa – Via S. Di Giacomo 6/8 – “Il Giornale di Casoria” – redazione – Via S. Di Giacomo 4 – “La Casa di Fiore” – Via Marconi 12 – Galleria Marconi. L’iniziativa vuole sensibilizzare il Consiglio di Amministrazione di Casoria Ambiente SPA ed il Sindaco della città di Casoria nella qualità di rappresentante organico del socio unico della suddetta società per azioni, a mettere in campo tutte iniziative possibili per garantire un servizio domenicale di spazzamento delle strade cittadine.

Articolo precedenteMagic in the Moonlight, ovvero non c’è più l’Allen di una volta
Articolo successivoCasoria. Enzo Marino, protagonista con il libro “Belle pazzie e bugiarde aurore”
Classe 91. Giornalista pubblicista e studente di Lettere moderne presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Vicedirettore presso Il Giornale di Casoria (con cui collabora dal 2012), giornalista e social media manager Fantagazzetta. L'energia, l'impegno, la responsabilità e l'ottimismo sono e sempre saranno il mantra della mia attività di giornalista, considerando i traguardi non come punti di arrivo, ma come stimoli che inducano a dare sempre il massimo.