Home Cronaca & Attualità A Casoria la pubblicità rispetta le regole e l’etica?

A Casoria la pubblicità rispetta le regole e l’etica?

134
0

20160923_110619-1-1La pubblicità è una forma di comunicazione di massa che ormai utilizza i canali più moderni e tecnologici, ma che non disdegna gli enormi cartelloni che circondano il nostro arredo urbano. Nelle ultime ore la consigliera Elena Vignati, sempre attenta e vigile sulle questioni che riguardano il territorio e i cittadini, si chiede se gli enormi cartelloni pubblicitari che spuntano a ripetizione e che in alcuni casi provocano addirittura il taglio di alberi che darebbero altrimenti fastidio, abbiano tutti l’autorizzazione necessaria. Vogliamo dare maggior forza alla richiesta, ricordando che un controllo da parte dell’ente preposto ci vorrebbe anche perché, aldilà del rispetto delle regole, cosa fondamentale, potrebbe anche avere un ritorno economico che in questo momento di crisi delle casse comunali non sarebbe un male. Se gestita in modo intelligente, si può fare come a Napoli e nelle grandi città, dove è possibile posizionare i cartelloni pubblicitari addirittura vicino ai monumenti, firmando contratti ad hoc che includono oltre al pagamento anche la partecipazione nelle ristrutturazioni. Un altro lato che andrebbe controllato è quello etico. Davanti alla villa comunale di Arpino sulla Via Nazionale delle Puglie, intitolata a Don Giuseppe Miano, parroco molto apprezzato nella zona, si erge prepotente nella sua maestosità una pubblicità di un sexy night del Casertano, in cui è ritratta una modella seminuda. Una scelta, quantomeno di cattivo gusto, visto che il posto pullula di bambini che sono soliti trascorrere qualche ora della giornata. E’ vero che il giorno in cui saremo in grado di mettere la pubblicità sulle nuvole, lo faremo di sicuro, ma un po di attenzione non guasterebbe.

Articolo precedenteIntervista all’artista Enzo Marino.
Articolo successivoArrestato a Modena un uomo originario di Casoria: violentava sua figlia minorenne.
Raccontare quello che accade senza dare giudizi, senza cedere alle pressioni, probabilmente non è il giornalismo dei giorni nostri, ma è sicuramente dare il giusto servizio ai lettori. Vive a Casoria, scrive, fotografa, sogna.