francesco-cicchella-da-made-in-sud-a-tale-e-quale-showUno e centomila. L’abbiamo conosciuto sotto svariate spoglie, dagli spettacoli amatoriali a Made in Sud, a Tale e quale show. Classe ’89, Francesco Cicchella ha fatto della sua passione un lavoro, con tanti sacrifici e soprattutto talento.
Francesco, ormai tutti riconoscono il tuo volto e la tua comicità. Quando hai “scoperto” questo talento?
Ero piccolissimo. Ho iniziato suonando il pianoforte ad orecchio, e c’è un video che mi ritrae già all’età di 3 anni in diverse imitazioni. Avevo un’inclinazione artistica molto naturale. Tutto è iniziato come un gioco, fino all’età di 13 anni in cui ho deciso che questo sarebbe diventato il mio lavoro. Devo la mia formazione artistica alla “Roland Musical School” di Casoria, dove a 8 anni ho iniziato a studiare pianoforte e poi canto.
Quale personaggio preferivi imitare più di tutti?
Alla luce di quelli che ho imitato nel programma “Tale e quale show”, direi Massimo Ranieri per il lavoro sul piano teatrale e canoro richiesto nella preparazione. Mi sono divertito tanto! Bruno Mars e Shakira erano difficili da interpretare, è stato un lavoraccio, ma mi hanno dato più soddisfazione!
Tralascio le parodie che interpreto in “MAde in Sud” a cui sono molto affezionato. Ma da ragazzo preferivo decisamente Massimo Troisi.
Sappiamo che negli anni del liceo ti dilettavi a mostrare la tua bravura ai tuoi compagni del “Gandhi” durante le recite natalizie o di fine anno… era il tuo primo pubblico?
Prima del liceo, ho avuto esperienze teatrali a livello amatoriale con una compagnia nella realizzazione di musical inediti. Il pubblico scolastico è stato di sicuro uno dei primi.
Qual è stato il tuo percorso artistico?
Oltre alla scuola di musica di Casoria e la compagnia teatrale amatoriale, ho vissuto diverse esperienze dopo il liceo. A 17 anni ho vinto il Premio Totò, alla sua terza edizione e da qui è iniziato tutto! Ho partecipato ai laboratori di cabaret al Teatro TAM di Napoli. Sono stato scelto da Alessandro Siani per il suo spettacolo “Più di prima”, e dopo pochi mesi a “Made in Sud” quando veniva trasmesso su Sky. Ci sono stati anche diversi progetti teatrali con l’attore Pietro Pignatelli. Sono intervenuto anche in altre trasmissioni televisive, tra cui il Festival di Sanremo lo scorso febbraio.
Un episodio positivo e uno negativo che ti ha segnato nella carriera televisiva sino ad oggi.
C’è da dire prima di tutto che ogni esperienza ha rappresentato una vetrina per quelle successive. Ci sono stati tanti episodi positivi. In particolare, agli esordi, la vittoria della III edizione del Premio Alighiero Noschese mi ha permesso di essere notato da Nando Mormone, autore e produttore di “Made in Sud”.
L’episodio negativo, invece, col senno di poi si è rivelato positivo: prima che “Made in Sud” approdasse in RAI, in maniera del tutto ufficiosa fui inserito nel cast di “Colorado”, ma ad oggi ancora non so il perché questa cosa non si sia mai concretizzata.
Cosa ci racconti di quest’esperienza nel programma “Tale e Quale Show”? E il tuo posto a Made in Sud… è riconfermato?L’esperienza a “Tale e quale Show” è stata grandiosa dal punto di vista artistico perché è un programma che offre la possibilità di mettere in mostra limiti e qualità artistiche, ma anche dal punto di vista umano per le amicizie nate qui soprattutto con persone con un certo bagaglio esperienziale. Ne farò tesoro!
Per quanto riguarda “Made in Sud”, il programma riparte a febbraio. Ci sarò…non so in che vesti e se sarò presente in tutte le puntate. Vuoi che ti racconti una “chicca”? È stato interessante sfidare Gigi d’Alessio! L’ho conosciuto personalmente… sono stato colpito dalla sua intelligenza, dal suo fare spettacolo e autoironia. È stata la prima volta in cui ho condiviso un palco televisivo con un personaggio che imito. Un altro momento memorabile è stato il fuori programma, dove Gigi d’Alessio mi ha sfidato in un pezzo pianistico. È stato divertente! Ci siamo lasciati andare…È nato proprio un rapporto d’amicizia.
cicchella-tale-e-qualeRiti scaramantici o esercizi prima di un’esibizione?
Penso di essere un’eccezione nell’ambito dello spettacolo. Non ho rituali particolari. Non cedo alle scaramanzie. Ho dei rituali che hanno più a che fare con l’uso della voce alcuni sono anche comici per chi non ha idea di cosa stia facendo. Un esempio è la cosiddetta “sirena” (produce il suono, ndr).
Progetti futuri? Ti vedi di più davanti ad una camera in uno studio televisivo o sul palco di un teatro?
Le due cose sono collegate. Durante il periodo natalizio, prima di “Made in Sud”, parteciperò ad altre serate televisive. Poi ci sarà un appuntamento cinematografico con gli Arteteca nel film “Vita, cuore, battito”, che mi vedrà co-protagonista in un ruolo non comico.
Ma il teatro è la mia dimensione ideale… mi entusiasma di più! Posso mostrare tutto quello che so fare. Infatti a breve partirà un mio spettacolo teatrale, che vedrà anche un tour in varie città.
Hai una ricetta da consigliare ai giovani che vogliono intraprendere la strada dello spettacolo?
Idee chiare, determinazione, volontà e tanti sacrifici! Molti giovani hanno esempi sbagliati. Pensano di poter entrare nel mondo dello spettacolo per bellezza e buona intonazione. Ma le capacità vanno messe a frutto e incanalate nello studio. A volte bisogna mettere da parte famiglia, amici…Quando si raggiungono certi livelli, diventa dura e difficile essere equilibrati, trovare il giusto spazio per gli affetti. Bisogna capire anche se ci si vuole accontentare o meno. Insomma…c’è tanto lavoro da fare!
Un desiderio per la nostra città…
Non mi capacito del fatto che a Casoria non ci sia un vero e proprio teatro. E questo a mio parere è gravissimo! Ricordo che per i primi spettacoli amatoriali eravamo costretti ad andare altrove, come Afragola, Arzano. I teatri scolastici non possono sopperire a ciò! Bisogna porre rimedio a questa carenza… lo dico anche per una questione culturale. Il teatro è un luogo di aggregazione, di scambio culturale. In questo modo i giovani non hanno solo l’UCI Cinemas per incontrarsi…

 

 

 

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •